Postato su 3. Febbraio 2016 In opere di misericordia, Progetti

“Siamo nell’Anno della misericordia. … Si riempie Tupãrenda di giovani ansiosi di imparare un buon mestiere, per avere un lavoro degno!”

PARAGUAY, Pastorale della carcere “Visitazione di Maria”, P. Pedro Kühlcke •

Ricordiamo uno dei momenti di più emozione della visita di Papa Francesco in Paraguay: il suo incontro con Orlando, uno dei giovani del settore mezzo aperto della Carcere dei Minorenni di Itauguá, a pochi chilometri dal Santuario di Tuparendá. Un incontro commovente che ha cambiato il testo del suo discorso al Santo Padre e la vita ad Orlando. Un incontro anche emozionante per tutta la Pastorale della carcere la “Visitazione di Maria” e per tutti coloro, che sognano con una seconda opportunità per questi giovani, una seconda opportunità che per tanti è la prima!

Da marzo scorso questa seconda opportunità ha un nome: “Casa Madre di Tuparenda”, una casa-scuola all’ombra del Santuario per venti giovani che abbiano compiuto la loro condanna. Il suo scopo è dare una formazione in valori e capacità di lavoro, affinché questi giovani possano entrare di nuovo nella società per mezzo di una professione che riceveranno nella scuola.. Possiamo dire che la Madre vuole regalare appoggio a chi non ce l’ha. Il problema è che durante il tempo della condanna i vincoli familiari si indeboliscono. Alcuni dei ragazzi hanno la loro mamma lavorando all’estero, ed il padre assente da sempre, perció è fondamentale all’uscire appoggiarli, affinché possano riprendere la vita, che oggi è di un 60 % o più diminuisca come lo dimostrino esperienze simili del Cile e della Repubblica Domenicana ad un 3%.

Il 4 di giugno, il ministro di Giustizia Sheila Abed, P. Pedro Kulcke, capellano del Centro di Educazione Itauguá e la presidentessa della fondazione per l’incremento di valori el a prevenzione della violenza (Fundaprova), Ana Maria Mendoza di Acha, altre autorità e un gruppo degli stessi giovani del padiglione Speranza della carcere, hanno partecipato alla benedizione della Edicola della Madonna di Schoenstatt nel luogo della futura Casa Madre di Tuparenda. E poi tutto è stato aspettare…

Dopo mesi di attesa….

Dopo molto tempo senza novità, la settimana scorsa è successo tutto… Nella ultima riunione di Fundaprova, alla fine di dicembre, abbiamo visto che dal Ministero non avremmo ricevuto i denari promessi già da sei mesi dal Ministero della Giustizia. Il Ministero di azienda sempre ci diceva che il denaro era stato assegnato, ma al momento non c’era denaro disponibile. Abbiamo deciso allora cercare atre strade (apporti di Adveniat, dagli Stati Uniti ecc.) perché già stava terminando l’anno fiscale. Avevamo cancellato perfino il nostro conto in banca per mancanza di movimento.

Improvvsamente lo scorso 14 di gennaio abbiamo ricevuto qualsiasi tipo di chiamata: (Ministero di Azienda, di Giustizia, chiamata dalla banca…..) ci volevano trasferire la somma completa del denaro per la costruzione completa e l’attrezzatura della “Casa Madre di Tuparenda . Ma il nostro conto in banca era chiuso! Abbiamo ottenuto che la banca apra di nuovo il conto e già il denaro è depositato

Un poco più di burocrazia…

L’unico ostacolo per cominciare la costruzione è che ancora stiamo aspettando l’autorizzazione dei progetti dal Municipio di Itaguá, che ancora si fanno aspettare. Il prefetto anteriore mi aveva detto che prima delle elezioni municipali (novembre), la giunta non avrebbe fatto niente, e così è stato. Alla fine di dicembre finalmente hanno approvato i progetti, ma nel frattempo aveva assunto il nuovo prefetto, che ha detto che non aveva potuto firmare se non aveva il permesso della nuova giunta che si riunisce a fine gennaio. Il ministro di giustizia mi ha promesso che lui avrebbe cercato di muovere i contatti per assicurare che salga questa approvazione il prima possibile.

Così che se Dio vuole in febbraio potremo cominciare finalmente questa costruzione tanta attesa!

Firmato il convenuto il 18 di gennaio

Nella stessa settimana scorsa ci hanno anche informato da “Sinafocal” (Sistema nazionale di formazione e capacità di lavoro), che ci avevano assegnato se corsi di formazione professionali: edilizia, idraulica, elettricità a domicilio, orto organico in serra, e due corsi di maestro di opera civile. Io avevo presentato il nostro progetto in marzo dell’anno scorso, e in giugno ci avevano convocato affinché scegliessimo i corsi.. Poi non avevamo saputo più niente, fino adesso..

Il lunedì 18, data significativa, abbiamo firmato il convenuto corrispondente. L’importante è che il Sinafocal finanzia tutto: istruttori, attrezzatura, utensili, merenda quotidiana e perfino gli attrezzi personali per ogni alunno che si diploma nel corso corrispondente. Gli istituti che offrono ogni corso già sono in contatto con noi per definire le date, gli orari, e i luoghi.. I corsi devono cominciare a fine di febbraio al più tardi, ed ognuno è per 25 alunni. Tuparenda si riempirà di corsi di tipo medio! Poiché la casa non è ancora costruita stiamo studiando la possibilità di utilizzare i saloni della casa dei pellegrini, o altre possibilità. L’invito per i corsi sarà per tutto il d’intorno di Tuparenda; naturalmente vogliamo ottenere che partecipano i giovani che sono stati privati della libertà.

Quando la Mater vuole qualcosa, improvvisamente avviene tutto!

Sinceramente ho ancora il capogiro…..Quando la Mater vuole qualcosa, improvvisamente avviene tutto! Una settimana fa non avevamo un guaraní, nemmeno una data per cominciare il progetto, e ora abbiamo tutto il denaro per costruire, i corsi di formazione professionale, e si comincia in febbraio!

Ancora abbiamo bisogno di donazioni per la Pastorale della carcere e per la Casa Madre di Tu parenda. Ma soprattutto faccio affidamento sulle vostre preghiere, affinché Tuparenda sia sempre di più quello che la Madre ha sognato che sia.

Come filiale Tuparenda dei Padri di Schoenstatt siamo orgogliosi di essere in una periferia che ha tanto bisogno di aiuto umano e spirituale.

Donazioni:

In Paraguay:

Banco GNB
Cta Nro. 001-065259-003
Congregación Padres de Schoenstatt

In Europa

Schönstatt-Patres International e. V.
IBAN DE91 4006 0265 0003 1616 26
BIC/SWIFT GENODEM1DKM
Uso: P. Pedro Kuehlcke, Casa Madre de Tuparenda

Originale: Spagnolo. Traduzione: Maria Tedeschi, La Plata,  Argentina

Tags: , , , , , , ,