Postato su 18. Giugno 2015 In secondo seculo

Tre domande … su Schoenstatt nel Secondo Secolo dell’Alleanza d’Amore (13)

Oggi risponde: Marcelo Luzardi di Asuncion, Paraguay, Membro della Lega-Apostolica delle Famiglie di Schoenstatt, Direttore della Rivista “Tuparenda”, organo di diffusione del Movimento di Schoenstatt in Paraguay •

Sono già sei mesi che ci siamo incamminati nel secondo secolo di Alleanza d’Amore … : Come sogna questo Schoenstatt nel suo essere, nella sua localizzazione in Chiesa e mondo e nel suo operare?

Sogno un Movimento che in continua espansione dona alla Chiesa e al Mondo il suo legame speciale a Maria e alla sua pedagogia.

Un Movimento che abbia comunque le condizioni strutturali e spirituali per arrivare con grande forza interiore al centro e alla periferia di ogni società.

Ma un Movimento che nella sua vastità non perda la maturità né le sue solide basi né la fedeltà creativa alle sue origini.

Cosa dobbiamo lasciarci alle spalle o evitare, affinché questo sogno diventi realtà?

Papa Francesco l’ha definito con magistrale semplicità: dobbiamo evitare di accontentarci di stare a pettinare le pecorelle in casa.

Siamo Movimento quando portiamo la Madonna di Schoenstatt a tutte le pecorelle, specialmente a quelle più lontane.

Quale passo concreto dobbiamo intraprendere, affinché questo sogno diventi realtà?

Noi che formiamo il Movimento Organizzato siamo tenuti personalmente ad approfondire noi stessi e a crescere, per trasmettere la nostra spiritualità con maggior efficienza e validità.

Dobbiamo esporci all’opinione pubblica; la testimonianza deve essere lo strumento principale per ogni Schoenstattiano.

Originale: Spagnolo Traduzione: Maria Dolores Congiu, Roma, Italia

 

Tags: , , , , ,