Roma famiglie

Postato su 2021-06-11 In Vivere l’Alleanza

Alleanza d’Amore, Alleanza di Famiglie

ITALIA, Gian Francesco Romano •

Domenica 30 maggio, nella Solennità della Santissima Trinità, un piccolo gruppo di giovani famiglie che viene accompagnato dal Movimento di Schoenstatt a Roma ha finalmente suggellato l’Alleanza d’Amore con Maria. Dopo circa due anni di preparazione, tra formazione, pandemia, ripensamenti e ripartenze, sei coppie hanno deciso di affidare alla Madre, Vincitrice, Tre Volte Ammirabile di Schoenstatt Maria il loro cammino familiare. —

Il percorso… accidentato

La proposta di sigillare l’Alleanza d’Amore con Maria al gruppo era nata già nell’autunno del 2019. In quel momento il gruppo, dopo un periodo di assestamento, aveva appena eletto una nuova “coppia guida” al suo interno e aveva visto nella proposta dell’Alleanza l’opportunità per rilanciarsi con un obiettivo comune e ricco di significato, sia spirituale, sia comunitario.

L’avvio del percorso è stato però fortemente compromesso dalla pandemia: la buona volontà nel mantenere il legame tra le coppie – nate tra lo stesso gruppo di amici – si manifestava negli incontri trasportati online passando tra le più diverse piattaforme (Skype, Zoom, Jitsi…); ma la condivisione spontanea ne risentiva molto e con essa anche la capacità di riuscire a vivere con autenticità gli appuntamenti.

Alla fine, dopo un anno di attesa, sentendosi in larga parte ancora non consapevoli, né veramente motivate a fare l’Alleanza, le famiglie si sono date un altro anno di tempo per prepararsi.

La ripartenza

Guidate da P. Facundo, Responsabile Nazionale del Movimento, e affiancate nel nuovo anno anche da Suor Asunción, Superiore delle Sorelle di Maria del Santuario “Cor Ecclesiae”, le famiglie sono ripartite nell’autunno del 2020 con lo stesso obiettivo dell’anno precedente, e con lo stesso problema: il coronavirus. Ma stavolta la determinazione ha preso il sopravvento.

Dapprima, infatti, ci si è sforzati il più possibile di organizzare degli incontri – all’aperto e in sicurezza – tali da permettere un certo scambio umano, così come di di approfondire l’identità del gruppo e delle singole coppie, e di capire al tempo stesso la promessa insita nell’Alleanza d’Amore

Poi, soprattutto negli ultimi incontri, sono stati decisi i dettagli e ogni coppia si è presa una piccola parte di responsabilità nell’organizzare il grande giorno, testimoniando così la volontà di “lanciarsi” in questa scommessa e di affidarsi a Maria seguendo il carisma originato da Schoenstatt.

Il giorno della festa

Con il dubbio se il tempo sarebbe stato clemente (poi c’è stato il sole tutto il tempo), e con la preoccupazione su come vestirsi (oggetto di una lunga trattativa diplomatica), alla fine ogni coppia ha rinnovato le proprie promesse matrimoniali, ha recitato la propria preghiera di famiglia e condiviso la preghiera di gruppo, prima di ricevere i tradizionali simboli della candela e della medaglia e di firmare sull’altare il libro dell’Alleanza – come famiglie: una novità per tutti, anche per quelli che, come individui, già avevano stretto l’Alleanza con Maria.

“La Madonna, vestita del sole del suo Figlio ci ha dimostrato tutta la sua cura: un giorno bellissimo, la presenza di Francesco e Graziella – la prima Coppia Guida – la musica di sottofondo dei bambini… Le vostre preghiere sono uno specchio della vostra intimità. Mi raccomando costudite vostre preghiere come un tesoro prezioso! Abbiamo vissuto un momento di Grazia. Che il Signore renda fecondo il vostro gruppo e la Madonna vi custodisca e vi dia il dono della fedeltà all’Alleanza!” ha condiviso P. Facundo ai membri del gruppo.

E dato che il gruppo, dapprima solo per gioco, poi sempre più seriamente, ha deciso di chiamarsi “Mistica con la Mastica”, alla fine si è reso omaggio all’identità comunitaria con una merenda-aperitivo-cena nel parco del Santuario.

Roma famiglie

Tags: , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.