Postato su 6. Marzo 2019 In Vivere l’Alleanza

La speranza c’è quando c’è crescita… e ce n’è.

COSTA RICA, P. José Luis Correa, Gonzalo Vega e Maria Fischer •

G61, G62, G63, G64… L’Opera familiare di Schoenstatt in Costa Rica continua a crescere in numeri, attività apostoliche e in profondità. Pura vita!–

Si sono svolte state due giornate parallele sabato 2 marzo nel Santuario “Famiglia di Speranza” in Costa Rica, e sono state benedette.

Le famiglie del G44 “Forgiatori di Speranza” si sono riunite per la Benedizione dei loro Santuari Domestici. Hanno portato i simboli dei loro santuari domestici al Santuario, per invitare la Madre e Regina a vivere nelle loro dimore. Una vera festa nel Santuario!

Parallelamente, si è celebrata la Giornata di inizio dell’anno 3 dei gruppi G48, G49 e G51.

Le coppie hanno approfittato dello spazio offerto per riflettere, riconnettersi e lavorare sul Sacramento del matrimonio.

Quattro nuovi gruppi a San Josè/Ovest

A causa delle distanze e del traffico, Schoenstatt nella città e diocesi di San Josè si scinde in quella di Ovest e quella di Est. Il 22 di febbraio, quattro nuovi gruppi di coppie  sposate nell’Est hanno cominciato il loro cammino a Schoenstatt, formando i gruppi G61, G62, G63 y G64.

C’è da fare un respiro e tornare a dirlo: G61, G62, G63, G64 …. 64 gruppi di coppie sposate che roteano introno ad un Santuario che tra pochi giorni compie due anni..

Ciò che è stato vissuto nella settimana precedente alla GMG a Panama, con tutta la famiglia in modalità GMG, in movimento apostolico costante, non è stato qualcosa di fugace. È famiglia di speranza per tutto Schoenstatt e oltre.

 

Originale: spagnolo. Traduzione: Virginia Cosola, Roma, Italia

Tags: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *