Postato su 2017-01-18 In Vivere l’Alleanza

Salve Regina – Mater misericordiae

Germania, Mons. Peter Wolf

Il 6 dicembre, gli “amici di Belmonte” della Germania hanno viaggiato di notte in autobus, attraverso il passo del San Gottardo verso Roma, e sono arrivati a Belmonte al mattino.

Don Daniel Lozano, rettore Belmonte, li ha accolti e P. Georg Egle, nella sua omelia, ha parlato del Salve Regina e del loro pellegrinaggio a Roma, che quest’anno li avrebbe portati alle varie effigi della Madonna nella Città Eterna.

Dopo essersi sistemati nell’albergo TRA NOI, hanno visitato la Basilica di San Pietro, dove hanno ammirato famosa Pietà e di Michelangelo e la prima immagine di Maria nella Basilica di San Pietro. In seguito secondo il programma hanno partecipato alla veglia di San Nicola con il Diacono Stadtfeld, al termine della quale P. Armin Noppenberg li ha sorpresi vestendosi da San Nicola, e recitando alcune poesie e distribuendo piccoli doni.

dscn2303

Incontro con Papa Francesco

La mattina seguente è stata dedicata all’incontro con Papa Francesco nella Sala delle Udienze, dove il Santo Padre è stato accolto con grande gioia da parte di tutti, non solo dagli indigeni messicani presenti. Nel suo discorso il Papa ha parlato della qualità della speranza cristiana che, per lui, va al di là di ogni ottimismo.

E’ stata una grande gioia per i pellegrini tedeschi quando, alla fine, il Papa ha salutato i membri e gli amici del Movimento di Schoenstatt.

Alla fine dell’udienza, Mons. Peter Wolf ha avuto l’opportunità di salutare il Santo Padre a nome dei pellegrini di Schoenstatt e donargli la traduzione spagnola di una raccolta di testi di P. Kentenich sulla misericordia, fatta per l’Anno della Misericordia, per la quale il Santo Padre ha fatto i suoi ringraziamenti.

Festa dell’Immacolata Concezione a Roma

Nel pomeriggio i pellegrini, guidati da mons. Wolf, hanno visitato le due famose Basiliche di Santa Maria in Cosmedin e in Aracoeli, dove hanno celebrato la Messa. Entrambi i luoghi hanno avuto visto una devozione secolare alla Madre di Gesù e contengono testimonianze preziose della sua venerazione..

Il terzo giorno del pellegrinaggio è stata la Festa dell’Immacolata Concezione, che ancora oggi è festa grande a Roma. Il programma prevedeva obbligatoriamente una visita alla più antica immagine della Madonna nella città eterna, custodita dai Frati Domenicani contemplativi che vivono a Monte Mario. Questa antica immagine proveniente dall’oriente ha notevolmente impressionato i pellegrini.

Il viaggio è continuato andando a Santa Maria del Trastevere, dove alcune suore africane di una comunità religiosa hanno fatto la loro professione perpetua. Per questo la chiesa è stata completamente illuminata e sono stati in grado di contemplare la rappresentazione della Incoronazione di Maria nell’abside e i dipinti  della vita di Maria nella zona del coro. Alle 13:00 P. Noppenberger ha celebrato la Messa dell’Immacolata Concezione a Santa Prassede con una interessante omelia.

dscn2326

Santa Maria Maggiore

Con Papa Francesco a Santa Maria Maggiore

Il programma poi li ha portati alla vicina Chiesa di Santa Maria Maggiore. Mons. Wolf ha spiegato il significato della prima chiesa dedicata alla Madonna a Roma e ha guidato i pellegrini alla visita. Con loro grande sorpresa, anche Papa Francesco stava visitando la chiesa in occasione della Festa dell’Immacolata Concezione per pregare davanti all’immagine della Salus Populi Romani.

Tornando da Piazza di Spagna, alla presenza di numerosi pellegrini, il sindaco di Roma – secondo la tradizione – ha collocato una corona accanto alla colonna con l’immagine di Maria e ha pregato una sentita preghiera. Tornando all’albergo TRA NOI, il gruppo ha potuto ammirare i fuochi d’artificio in prossimità della Chiesa di Maria Immacolata, per commemorare il suo giorno di festa.

I pellegrini hanno avuto varie alternative per il loro ultimo pomeriggio a Roma, una visita alle sorelle di Maria presso il Santuario Cor Ecclesiae, una visita a Castel Sant’Angelo, o la salita sulla cupola in San Pietro. Il pomeriggio è stato interamente dedicato a Belmonte. P. Egle ha guidato il gruppo attraverso le varie postazioni del luogo, e la nuova Casa dei Pellegrini, la Domus Padre Kentenich, in fase di completamento.

Suor Yvonne ha parlato del suo lavoro con la Madonna Pellegrina in Italia. La Messa si è tenuta nel foyer della Domus Pater Kentenich, a termine del pellegrinaggio, che Mons. Wolf ha riassunto nella sua omelia. Dopo la cena in un ristorante tipico, sono ripartiti viaggiando di notte per la Germania.

2016_12_08-030

Santa Messa nella sala di Belmonte

Originale: tedesco. Traduzione: Carla Frielingsdorf, Roma, Italia

Tags: , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.