Postato su 13. Febbraio 2016 In Vivere l’Alleanza

Dal “Santuario di noi tutti” con Papa Francesco nel suo viaggio in Messico

BELMONTE, di Maria Fischer •

index2Prima del suo XII Viaggio Apostolico, che lo porterà in Messico come “Missionario di Misericordia e di Pace”, Papa Francesco ha chiesto nell’Udienza Generale di Mercoledì delle Ceneri di accompagnarlo con la preghiera:

“Dopodomani inizierò il viaggio apostolico in Messico, ma prima mi recherò a L’Avana per incontrare il mio caro fratello Cirillo. Affido alle preghiere di tutti voi sia l’incontro con il Patriarca Cirillo sia il viaggio in Messico.”

L’11 Febbraio, festa di Nostra Signora di Lourdes, Padre Daniel Lozano, Rettore del “Santuario di noi tutti” a Belmonte, ha messo sull’altare del Santuario (foto a destra) una grande anfora su cui è raffigurata l’immagine della Madonna di Guadalupe. Si tratta dell’Anfora portata dalla delegazione del Messico per la Benedizione del Santuario, che ha avuto luogo l’8 Settembre 2004 (foto sopra).

Molti ricordano ancora il motto “Riempite le Anfore d’Amore alla Chiesa”, in preparazione alla Benedizione, unito all’invito di portare anfore dai Santuari e dalle Edicole sacre del mondo, per collegare simbolicamente le correnti del “Nulla senza di te, nulla senza di noi” di tutti i Santuari, qui in questo Santuario che tutta la Famiglia di Schoenstatt aveva promesso a Padre Kentenich decenni prima.

Nel cuore della Chiesa universale

Sulla pagina web di Belmonte si legge: Molte Anfore, che erano state portate per la Benedizione, sono rimaste a Belmonte ed hanno trovato un posto d’onore nella Casa dell’Alleanza. Nel Santuario le Anfore si avvicendano e si uniscono al rispettivo Paese dal quale provengono.

Qualche visitatore si meraviglia vedendo in piena Roma una ‘cholita’ – tipica anfora di terracotta della Bolivia – un cesto del Burundi, un’anfora con l’immagine della Guadalupana, Ns. Signora di Guadalupe o una didascalia portoghese.

E ad un tratto capisce che qui non si è in un Santuario tedesco o italiano, ma in un Centro di Schoenstatt internazionale.

Nel cuore della Chiesa universale.”

IMGP0141

8.9.2004: Pellegrini del Messico portano in dono un’immagine della Madonna di Guadalupe

Andiamo in pellegrinaggio a Belmonte per unirci al pellegrinaggio del Papa in Messico!

IMGP0140Ecco il commento stringato di un italiano: “Ora andiamo in pellegrinaggio a Belmonte per unirci al pellegrinaggio del Papa a Guadalupe”. È proprio così.

Tra pochi giorni sarà appagato il grande desiderio del Papa, di pregare davanti all’Immagine di Nostra Signora di Guadalupe, Patrona delle Americhe. Non voleva andare in visita al Messico senza far visita anche a Lei.

Una settimana prima di iniziare il suo viaggio in Messico, Papa Francesco ha rilasciato un’intervista in cui ha espresso la sua grande devozione per la Madonna di Guadalupe, che gli dona – come ha detto letteralmente – “sicurezza e tenerezza”. E ha chiesto ai Messicani come favore: quando visiterà la Basilica dedicata alla Madre di Dio di “lasciarlo un momento solo davanti all’immagine. È questo il favore che vi chiedo”.

“Cosa suscita in me? Sicurezza, tenerezza. Tutte le volte che ho paura per qualche problema o perché è successo qualcosa di brutto, e non so come reagire, e la prego, mi piace ripetere a me stesso «non avere paura, non ci sono forse qui io che sono tua Madre?». Sono parole sue, «Non avere paura». È quello che mi dice più spesso”, così il Papa.

Grazie, Famiglia di Schoenstatt del Messico, per l’Anfora con l’immagine della Vergine di Guadalupe, che dice al nostro Papa Francesco, al nostro Schoenstatt e a ciascuno di noi: Non avere paura, non sono forse qui io che sono tua Madre?

 

In occasione della visita di Papa Francesco in Messico, dal 12 al 17 febbraio, l’Ufficio Comunicazioni e Stampa del CELAM (Consiglio Episcopale Latinoamericano) ha presentato una piattaforma multimediale per seguire in diretta quest’evento storico e significativo per tutta la Chiesa dell’America Latina: www.comunicacioncelam.org.
Anche CTV trasmette come sempre in diretta.

PICT0315

Originale: Spagnolo. Traduzione: Maria D. Congiu, Roma, Italia

Tags: , , , , , ,