All’ incrocio delle strade: le edicole

para subir la foto de su ermita, haga click en el boton

Le edicole: grandi e piccole. Immerse in zone montuose, in foreste  e valli, in città e agli incroci delle strade, le edicole della Madre  e Regina Tre volte Ammirabile che diffondono la Campagna della  Madonna Pellegrina, si levano in piedi sfidando le intemperie, i venti, la neve, il caldo, il freddo, in varie parti del  mondo.  È enorme la diversità che dà loro la creatività popolare dei  missionari delle diverse nazioni in cui sorgono.

Tuttavia c’è qualcosa che è le accomuna. Qualcosa che le unisce. Sono tutte frutto  dell’amore immenso del cuore di una Madre che vuole  essere vicina a tutti i suoi figli perché sa che hanno bisogno di Lei.

Una Madre che, poi, risveglia in uomini e donne generosi,  il desiderio di dare rifugio nei loro cuori, di allearsi con Lei e di costruire un’edicola  nella loro terra. Persone che vogliono che Lei si stabilisca  nei loro luoghi, accetti le preghiere e i sacrifici offerti a Lei  e  effonda da lì  le loro grazie e le loro benedizioni per il bene dei loro  fratelli. E così, ridando vita al “Nulla senza di te, nulla senza di noi”, instancabili, sulle orme di Joao Pozzobon, si mettono al  lavoro.

Le belle storie che stanno dietro la costruzione di ogni edicola parlano della resa incondizionata di tanti missionari della  Campagna che non sono scoraggiati dagli innumerevoli  inconvenienti e ostacoli che spesso devono affrontare.

Non è facile  arrivare ad avere un terreno, ottenere i permessi delle autorità  e arrivare a costruire lì una edicola. Ma niente li ferma! Migliaia di  rosari e offerte al Capitale di Grazie  stanno  Mantenendo viva l’iniziativa e aprono la strada al giorno  in cui la Madre Tre volte Ammirabile prende possesso di quel  piccolo posto nel mondo e inizia a effondere da lì grazie e  benedizioni. Da quel momento, le edicole si trasformano in estensioni originali  del Santuario,  luoghi di incontro dove si intrecciano legami  dove e  la Madre unisce i propri figli donando  loro  l’esperienza di  appartenenza, creando un’atmosfera familiare.

I missionari della Campagna si incontrano in modo speciale il  18 di ogni mese per pregare il Rosario,  consacrarsi  alla  Madonna, pregare mille Ave Maria, sigillare  la loro  Alleanza  d’Amore e rinnovare il loro impegno per riavviare la loro  missione con nuova forza.

 

Nelle case e nelle strade

Attraverso la Campagna, la Madre Pellegrina che viaggia nel mondo vuole entrare nelle famiglie, insegnare a pregare e vivere i misteri del Rosario in alleanza con Lei e stabilirsi in centinaia di migliaia di Santuari domestici. Ma questo non basta.

Ella vuole essere presente anche nella vita pubblica, condividere la vita della nostra gente, stare in strade e vie, in quei piccoli pezzi di cielo dove vuole essere vicina a tutti i suoi figli, avvicinarsi ai più bisognosi,  condividere i loro dolori e le gioie, invitare tutti a essere i suoi alleati nella missione di trasformare il mondo.

Così lo aveva inteso Joao Pozzobon. Nel 1979, si recò a Schoenstatt e, al suo ritorno in Brasile, sentì l’ispirazione di costruire edicole di Nostra Signora di Schoenstatt come quelle che aveva visto in Germania.

E questa nuova tendenza di vita emerge nella Campagna: in soli 5 anni mette 40 edicole “all’incrocio delle strade, punti strategici, quasi sempre in luoghi lontani, distanti dalle parrocchie, dove il sacerdote non arriva. “Ogni edicola piantata”, dice Joao, “è come un’antenna che attrae dall’alto, in questa gigantesca Campagna, la forza e il dono del Divino Santo Spirito “.

Sono molto semplici: un’immagine della Madre e  Regina, in bronzo,  su uno stecco di legno che affonda nel terreno. Sono benedette prima nel Santuario e poi una seconda benedizione viene fatta con la gente nel luogo in cui sono collocate. Joao raccomanda fortemente di incontrarsi accanto all’edicola il 18 per pregare il Rosario come simbolo di unione con il Santuario. Così, la corrente di grazia fluisce dal Santuario per raggiungere i luoghi più remoti.

Padre Esteban Uriburu ha, anche, capito l’importanza e il ruolo provvidenziale di questi luoghi di irradiazione mariana nel nostro tempo. “In questa epoca, in cui  l’erosione spirituale cancella ogni segno o vestigia dello divino dalla vita quotidiana, nascono le edicole, come piccole oasi intorno alle quali,  i semplici sentono più concretamente la presenza della loro Madre”.

Da questa pagina vorremmo raccogliere le fotografie e le testimonianze della vita che scaturisce da tutte le edicole che sorgono al passaggio della Vergine in tanti luoghi del mondo dove arriva la Campagna.

Sulle orme di Joao, insieme a tutti i missionari e alle famiglie della Campagna, vogliamo metterci al servizio di questa meravigliosa corrente di vita che la Mater  ha dato a Schoenstatt e che il Padre Fondatore apprezzava così tanto.

Nell’ottobre del 1946 non ha esitato, infatti, a lasciare la Giornata Annuale del Movimento per andare a benedire in Svizzera una piccola edicola della Mater  e coronare la Madre Tre volte Ammirabile come Regina del mondo in quel luogo  apparentemente insignificante:

Oggi siamo intorno ad  una piccola edicola “-disse quel giorno …”Alla fine,  dal  piccolo sorgerà qualcosa di grande. Schoenstatt era anche una volta piccolo. E dal piccolo è venuto qualcosa di grande e, ogni volta, vuole essere più grande, proiettando un ombra sempre più grande sul  mondo nei momenti in cui il mondo sembra crollare … Ringrazio dal cuore tutti coloro che hanno collaborato altruisticamente, fedelmente e semplicemente per onorare la Santissima Vergine. Ora vuole essere coronata Regina dell’Universo. Come Regina di Schoenstatt, vuole diventare regina del mondo; vuole viaggiare per le città, conquistandole. È in questa missione,  che vogliamo e dobbiamo aiutarla. ”

Sì! In questa missione vogliamo aiutare la nostra Madre e  Regina. Aiutarla a percorrere le strade dei  villaggi e a stabilirsi fra di noi, per rinnovare il mondo.  Prendere su di noi  gli affanni del Padre Fondatore. E unirci per promuovere, insieme con i missionari e le famiglie della Campagna, questa meravigliosa corrente di vita delle edicole, che la Santissima Vergine  vuole seminare nel mondo.

Ma … come farlo?

Possiamo chiederci: che cosa può succedere se da ogni edicola viene offerto al cielo un forte impulso missionario di preghiera e santificazione, offerte alla fonte delle grazie del Santuario, per aiutare la Santissima Vergine a stabilirsi in migliaia di nuove edicole in tutti gli angoli della terra?

Che cosa può succedere se, con la consegna dei suoi missionari, dal suo capitale di grazie, ogni edicola assumesse questa missione di diventare un seme fecondo per bruciare il mondo con il fuoco dell’Alleanza d’Amore che scaturisce da quei piccoli pezzi di cielo dove  la Madre Tre volte Ammirabile vuole manifestarsi come Regina dei popoli, come Regina del mondo?

La Vergine conosce la risposta. E ci invita a darci a Lei come strumenti con le stesse parole con cui il Padre Fondatore chiuse il suo discorso davanti alla piccola edicola di Weesen in Svizzera: “La nostra vita per la nostra Regina”.

Ana Echevarría, Buenos Aires, Argentina, 15.09.2017

Fotografie  che saranno semi di nuove edicole …

L’idea è di disporre le foto in modo da formare la replica digitale dell’immagine della Pellegrina, che Joao Pozzobon ha portato sulle sue spalle, viaggiando con Lei per 140.000 chilometri. Questa replica sarà esposta nella Sala Joao Pozzobon a Roma, Belmonte, e sarà visitata da pellegrini provenienti da tutto il mondo.

Sarà un’espressione e una testimonianza della presenza viva della Madre Tre volte Ammirabile che si è voluta stabilire in tanti angoli del mondo nei cinque continenti. Così ogni Paese sarà rappresentato dalle sue edicole a Roma, nel luogo dove i pellegrini e i missionari provenienti da tutto il mondo potranno conoscere la figura di Joao, la sua vita e il suo lavoro. Quanto sarebbe bello che tutti i missionari della Campagna provenienti da luoghi e paesi diversi possiamo lavorare insieme incoraggiando gli altri a inviare le fotografie delle loro edicole che da ora, per motivi pratici, raccogliamo su questa pagina di schoenstatt.org. Coraggio!

Para las fotos y las historias de la vida real

Subirlas con este formulario

Nombre y apellido (requerido)

Mail (requerido, no se publicará)

país y ciudad de la ermita

Nombre y misión de la ermita, informaciones adicionales

Subir la foto (jpg, jpeg,png, tiff - max 3 MB)

O enviarlas vía mail a: [email protected]

Enviar una vez la foto de su ermita.
Y recibimos las miles de historias reales de la vida en torno de sus ermitas a: [email protected]

Ana Echavarría, Buenos Aires, Argentina

Álbum de fotos de las ermitas ya enviadas

Ermitas

Joao Luiz Pozzobon

Uno Schoenstattiano in uscita, un santo della Nuova Evangelizzazione, solidale con i più poveri, mosso da un solo desiderio: portare la Madre del Signore e suo figlio Gesù Cristo là dove gli uomini hanno bisogno di loro: questo è João Pozzobon, l’iniziatore della Campagna della Madonna Pellegrina.

A João Luiz Pozzobon (1904-1985) , aderente del Movimento di Schoenstatt a Santa Maria in Brasile, sposo e padre di sette figli, nel 1950 fu chiesto da una Sorella di Maria di portare alle famiglie un’immagine della Madre tre volte Ammirabile di  Schoenstatt, affinché pregassero insieme il santo rosario dinanzi a Lei. João Pozzobon accettò questo compito, e vi rimase fedele per 35 anni fino alla sua morte. Percorse oltre 140.000 km con questa immagine in spalla e portò la Madre di Dio in case, ospedali, scuole e carceri; in tutti questi luoghi aiutò ad intensificare l’unione con Maria e la preghiera in comune, innanzitutto il Santo Rosario.

Questa “Campagna”, come la denominò João Pozzobon, “l’asinello della Madonna”, ebbe un piccolo inizio, come tutte le opere di Dio; dal 1984 essa si diffuse in tutta l’America settentrionale, centrale e meridionale, in singoli Paesi dell’Africa, Asia e Oceania e infine anche in Europa; oggi la Campagna è presente in circa 110 nazioni.

João Pozzobon visse il Sì detto a Maria, da uomo semplice in modo incondizionato; la sua vita appartenne alla sua famiglia, a  Schoenstatt e alla Missione della Madonna. Per lui era importante l’impegno sociale della Campagna. In piena fedeltà a Padre Kentenich, allorché capì di essere suo “piccolo allievo” e alleato, portò avanti la sua missione anche in tempi di ostilità.

Oggi centinaia di migliaia di famiglie ricevono in tutto il mondo la visita della Madonna Pellegrina, si uniscono in preghiera, ritrovano una relazione più profonda con Gesù e hanno contatto con la corrente di Grazia e di vita che sgorga dal santuario di Schoenstatt. Esse sperimentano: “ Ella è la grande missionaria, ella opera miracoli”.

La mattina del 27 giugno 1985 João Pozzobon venne investito nella nebbia fitta da un camion; era in cammino verso il Santuario-Tabor, per partecipare, come ogni giorno, alla messa.; pochi giorni prima aveva offerto la sua vita perché la Campagna diventasse internazionale.

Il suo processo di beatificazione si è aperto nel 1994 a Santa Maria in Brasile e si è concluso nel 2009 a livello diocesano; la seconda fase del processo si tiene a Roma.

In occasione del rinnovo della sua consacrazione egli prega così:

“Cara Madre e Regina…, mentre io rinnovo la consacrazione di 31 anni fa, riconosco che tu hai accettato il mio niente come quello di un bambino piccolo, ed io sono cresciuto attraverso l’educazione del tuo santuario, scoprendo un’abbondanza di meraviglie: io non ho visto, ma ho creduto. Possa questa bellissima Campagna del santo Rosario preannunciare una fioritura spirituale nella grande Opera di Schoenstatt….. e estendersi al mondo intero per il bene della Santa Chiesa.”

 

L’esperienza delle edicole come luogo di presenza e vicinanza della Mater dal Santuario

Le edicole votive di Schoenstatt, più di 800 nella sola Argentina, sono un’espressione pastorale di Schoenstatt. Molte di esse sono nate  dalla Campagna del Rosario della Madonna Pellegrina di Schoenstatt, frutto dell’iniziativa di un missionario o di un gruppo di essi. Ciò che risveglia questa corrente è il desiderio del Santuario, della presenza e della vicinanza della Mater dal Santuario.

C’è qualcos’altro che risveglia questa corrente: due necessità. La prima di queste è quella di sentirsi una famiglia. La seconda: incontrarsi come una famiglia intorno all’edicola, per conoscersi, per rafforzare i vincoli, per condividere la vita. La Campagna ha raggiunto molte città all’interno del Paese che sono  a migliaia di chilometri dal Santuario. La situazione economica della gente non consente un contatto continuo con la fonte delle grazie.

Per questo motivo i missionari hanno il desiderio che la Mater abbia la sua “terra “, dove possano personalmente unirsi a lei, portare  fiori, pregare, salutarla, ringraziarla, offrire i loro contributi al Capitale di grazie, farle le loro richieste. Consapevoli del dono che rappresenta, garantiscono che il posto sia sempre carino e ordinato.

Sentirsi una Famiglia, riunirsi come Famiglia – specialmente il 18

È impressionante come i legami crescano e si approfondiscano attraverso le visite alle edicole. Molti vengono a trovarla quotidianamente. Le persone si incontrano di solito il 18 e rinnovano la loro Alleanza d’Amore, pregano il Rosario, 1.000 Ave Maria, si scambiano le immagini della Madonna Pellegrina (già benedette in un Santuario), talvolta, persino,  hanno la possibilità di celebrare la Messa.

“Nulla senza te, nulla senza di noi”

Spesso i missionari avvertono da alcuni segni che la Mater desidera che venga costruita un’edicola. Sono piccole manifestazioni, ma molto chiare. L’inaspettata donazione di un terreno, l’esplicita richiesta del parroco o della gente, anche la  stessa Mater che atterra dal cielo (dopo un rapido viaggio su palloncini!) … Prima della costruzione, i missionari assumono l’impegno di conquistare il posto con molti contributi al Capitale di grazie.

Sono molto responsabili e rispondono con grande serietà perché conoscono le condizioni secondo le quali Maria ha stabilito di riversare  le sue grazie: “Nulla senza di te, niente senza di noi”. È davvero impressionante vedere come questo funziona attraverso ogni quaderno che accompagna il pellegrino. Non è una conquista di pochi, ma il risultato degli sforzi di molte persone. La loro dedizione e generosità sono degni di ammirazione. Ci sono testimonianze molto affascinanti di offerte e sacrifici fatti da persone diverse.

Oltre al Capitale di Grazie, talvolta ricevono altre donazioni: denaro, materiale da costruzione, ore di lavoro, progetti e indicazioni, tutto  gratuitamente.

Un prolungamento del Santuario, frutto del desiderio di unirsi ad esso

C’è una creatività straordinaria. Finora non abbiamo visto due edicole votive identiche.  Ognuno di esse è una manifestazione di un luogo specifico dove vengono manifestate le abitudini, le tradizioni, il clima, la cultura e la religiosità di quel popolo. Le edicole della MTA si estendono in tutto il paese, in tutte le diocesi dell’Argentina. In città e in campagna, nei quartieri lussuosi e nei villaggi miserabili, lungo strade affollate e vie sterrate, in montagna, nelle valli e in riva al mare, in grandi centri e nei villaggi lontani, la Mater  è presente con i suoi figli, che tributano il loro amore  alla  Madre, Regina e Educatrice.

Le “Linee guida per la pastorale delle edicole”, preparate dalla Centrale e dalla Campagna Nazionale, sono una risposta alla vita e sono ispirate all’esperienza dei missionari stessi. I loro contributi sono stati  decisivi per poter svolgere questo lavoro. È importante chiarire che ciò che ha motivato questo piccola guida non è stata  una inquietudine o preoccupazione per quanto riguarda le edicole. Qual era, dunque, la necessità di elaborare questo materiale? Si è ritenuto necessario assicurare, in vista del futuro, lo spirito di questi luoghi in modo da essere sempre fedeli all’origine, visto che abbiamo notato una travolgente espansione delle edicole  nel nostro Paese argentino.

Quasi ogni giorno, infatti, siamo informati del sorgere di una nuova edicola. Al fine di preservare il carisma di Schoenstatt – legato alla MTA, al Padre e al Santuario – si è reso utile fornire alcuni orientamenti e linee guida per le edicole della Campagna, che sono un’estensione del Santuario e nascono da un desiderio di collegarsi ad esso.

 “La nostra Madre e Regina ha voluto stare insieme ai suoi figli”

Le testimonianze di alcuni missionari, in occasioni in cui veniva benedetta una edicola, possono aiutarci a comprendere meglio il significato e il valore che hanno per la Campagna. “Dal momento che la nostra Madre e  Regina esce  come pellegrina,  non solo voleva visitare i suoi figli, ma voleva anche stare con loro. “Resta  con noi”, chiesero i discepoli a Gesù. Qualcosa di simile è successo a Maria. In molte parti del Paese, quella è stata la supplica “ soggiorna con noi, buona Madre”. “I sentieri del nostro Paese sono percorsi dalle edicole della Mater: lì tutti noi ci sentiamo suoi figli e  Lei ci fa fratelli”.

“Dal 27 giugno 1985, sono passati giorni, mesi, anni. Nella verde prateria del cimitero di Santa Rita riposano i resti  di  Joao Pozzobon … Il chicco di grano che cade a terra e muore, scompare, non  per essere sterile ma  per produrre tantissimi “frutti”.

È la mia terra diletta, è la mia terra di Schoenstatt!

Un’esperienza che ricordo  di aver fatto durante le mie vacanze e  i miei viaggi, mi ha mostrato come tutti (non solo quelli che vivono sul posto) ci sentiamo “famiglia” intorno alle edicole. È difficile esprimere ciò che si prova, quando si è in viaggio da qualche parte, sia per lavoro, sia per compiti apostolici o per vacanza, e “si scopre” improvvisamente un’edicola della Mater. Subito ci si sente “a casa”, in famiglia. Anche se non conosci nessuno, ti senti unito a tutti coloro che sono lì, perché c’è qualcosa in comune che ci unisce: l’amore per l’MTA. Cominciano gli sguardi, poi i sorrisi, poi il dialogo, e infine si finisce per ringraziare la Mater per quest’ incontro e si rinnova insieme la consacrazione. Ogni 18 del mese, la quantità di persone che arrivano da tanti luoghi diversi del Paese è impressionante. Spontaneamente sorgono sulle labbra le parole del Padre: è la mia terra diletta, è la mia terra di Schoenstatt!

Monina Crivelli, Buenos Aires, Argentina

Belmonte e la campagna della Madonna Pellegrina

La sera del 7 settembre 2004 centinaia di missionari hanno elevato in alto “dal Santuario di noi tutti” la loro pellegrina. È stato il momento in cui l’immagine della Madre Tre volte Ammirabile per il Santuario è caduta per terra e si è frantumata in mille pezzi.

Un segno silenzioso, forte. Eccoci. Continuiamo a portare la Madre di Dio….

João Pozzobon portò l’immagine originale della Pellegrina a Roma, per mostrare alla Chiesa la grande fecondità della Campagna della Madonna Pellegrina.

Era il 1979.

Nel 2014 l’immagine originale della Pellegrina -“incidentata”, come un segno della Chiesa “incidentata”, immagine tanto cara a Papa Francesco, molto più di quella di una chiesa divenuta malata, perché si è chiusa comodamente in se stessa, – ritornò a Roma e partecipò all’udienza del Giubileo.

Lei visitò ” il Santuario di noi tutti” a Belmonte.

E adesso a Belmonte c’è una sala intitolata a João Pozzobon, modello di uno “Schoenstattiano in uscita”.

 

La Campagna della Madonna Pellegrina