San Pedro

Postato su 2024-03-21 In La Chiesa - il Papa

Pellegrini della Speranza – in cammino verso Roma

ANNO SANTO 2025, redazione • 

“Il Giubileo è sempre stato un evento di grande importanza spirituale, ecclesiale e sociale nella vita della Chiesa”, scrive Papa Francesco nel 2022, proclamando l’Anno Santo 2025. “Fin da quando Bonifacio VIII istituì il primo Anno Santo nel 1300 – con una cadenza di cento anni, divenuta poi, secondo il modello biblico, di cinquanta anni e successivamente fissata a venticinque – il popolo fedele di Dio ha vissuto questa celebrazione come un dono speciale di grazia, caratterizzato dal perdono dei peccati e, in particolare, dall’indulgenza, espressione piena della misericordia di Dio. I fedeli, solitamente al termine di un lungo pellegrinaggio, accedono al tesoro spirituale della Chiesa attraversando la Porta Santa e venerando le reliquie degli Apostoli Pietro e Paolo conservate nelle basiliche romane. Milioni e milioni di pellegrini si sono recati in questi luoghi santi nel corso dei secoli, dando una testimonianza viva della loro fede duratura.” — 

Logotipo del Año Santo 2025

Logotipo del Año Santo 2025

Molti di noi ricordano ancora l’Anno Santo 2000, il grande Giubileo che ha portato la Chiesa alle soglie di un nuovo millennio. “Il Grande Giubileo del 2000 ha portato la Chiesa nel terzo millennio della sua storia. San Giovanni Paolo II lo aveva auspicato e desiderato, nella speranza che tutti i cristiani, superate le loro divisioni storiche, potessero celebrare insieme il bimillenario della nascita di Gesù Cristo, Salvatore dell’umanità”.

Questo Anno Santo è stato preparato da un triennio: il Papa ha voluto mobilitare tutta la Chiesa in preparazione al Giubileo del 2000, che commemorava la nascita di Cristo. Come ha detto nella sua lettera apostolica Tertio Millennio Adveniente (TMA), per la Chiesa non era la fine di un millennio, ma il punto di partenza di uno nuovo. Domenica 1° dicembre 1996 sono iniziati i tre anni di preparazione al Giubileo, il primo incentrato sulla figura di Cristo, il secondo sullo Spirito Santo e l’ultimo su Dio Padre.

Schoenstatt si è unito a questi tre anni di preparazione… con i suoi motti annuali, con un’edizione di libri con testi di P. Kentenich che fossero collegati ai temi… una sintonia con la corrente di vita della Chiesa celebrata da molti schoenstattiani con grande gioia. “Finalmente camminiamo con la Chiesa”, ha commentato una giovane donna alla Conferenza dei Delegati in Germania nell’ottobre 1996. “Non vedevo l’ora che arrivasse questo momento di sentirmi Chiesa in Schoenstatt e di sentire Schoenstatt nella Chiesa”.

Papa Francisco

Nos invita

Ora che ci avviciniamo ai primi venticinque anni del XXI secolo

“Ora che ci avviciniamo ai primi venticinque anni del XXI secolo, siamo chiamati ad avviare una preparazione che permetta al popolo cristiano di vivere l’Anno Santo in tutto il suo significato pastorale”, ha scritto Papa Francesco nel 2022. “A questo proposito una tappa importante è stata il Giubileo straordinario della Misericordia, che ci ha permesso di riscoprire tutta la potenza e la tenerezza dell’amore misericordioso del Padre, per essere a nostra volta suoi testimoni”.

Sotto l’impatto della pandemia appena conclusa, Papa Francesco prosegue:

“L’imminente Giubileo può contribuire notevolmente a ristabilire un clima di speranza e di fiducia, come segno di una nuova rinascita che tutti percepiamo come urgente. Per questo ho scelto il motto Pellegrini della speranza. Tutto questo sarà possibile se sapremo recuperare un senso di fratellanza universale, se non chiuderemo gli occhi di fronte al dramma della povertà dilagante che impedisce a milioni di uomini, donne, giovani e bambini di vivere in modo umanamente dignitoso. Penso in particolare ai tanti rifugiati che sono costretti a lasciare la loro patria. Che le voci dei poveri siano ascoltate in questo tempo di preparazione al Giubileo che, secondo il mandato biblico, restituisce a tutti l’accesso ai frutti della terra: “Potrete mangiare tutto ciò che la terra produrrà durante il vostro riposo, voi, il vostro schiavo e la vostra schiava, il vostro servo e la vostra serva, il vostro ospite che risiede con voi; e il bestiame e gli animali che sono nella terra potranno mangiare tutti i loro prodotti” (Lev 25,6-7).

Cosa porteremo con noi, noi schoenstattiani, quando andremo in pellegrinaggio a Roma nell’anno del Giubileo, fisicamente o spiritualmente? Quando si è avvicinato il giubileo dei 100 anni dell’Alleanza d’Amore, l’équipe di schoenstatt.org ha avuto l’idea di regalare, nel senso biblico-ecclesiale del giubileo, 100 case per i più bisognosi, una casa per ogni anno d’Alleanza… Alla fine non ne sono state costruite 100, bensì più di 250. Quale processione giubilare potrebbe portare le Casa del Niño, la Casa Madre di Tuparenda, Dequeni, la Pastorale carceraria, i Lichtzeichen, i Figli di Maria, le Borse della carità, le Missioni familiari, le Missioni universitarie, la Campagna della Madonna Pellegrina, il Campo migranti, la Pastorale sociale “Alleanza solidale”, i contributi sociali dei santuari e delle edicole….

Obras jubilares

Opere del Giubileo

Pellegrinaggi per categorie ecclesiali

Guardando il calendario giubilare per il 2025, si può notare che ci sono già date di pellegrinaggio per categorie ecclesiali – una data per i seminaristi, i vescovi o la vita religiosa, i giovani, i nonni, i giornalisti, i movimenti ecclesiali o gli imprenditori.

Dove parteciperemo noi schoenstattiani? La nostra équipe di schoenstatt.org vorrebbe certamente essere presente al Giubileo del Mondo della Comunicazione il 24 gennaio 2025 – in coincidenza con il decimo anniversario del rilancio di schoenstatt.org, con il suo nuovo design di comunicazione.

C’è chi può andare al Giubileo degli artisti; il gruppo dei diaconi permanenti al Giubileo dei diaconi; il CIEES e la IKAF al Giubileo degli imprenditori; l’Istituto delle Famiglie al Giubileo delle famiglie il 7 giugno; i nostri vescovi e sacerdoti il 25 e 26 giugno; la Gioventù al Giubileo della Gioventù… e come non pensare al 18 ottobre (!) con il Giubileo del mondo missionario!

Año Santo 2025

Anno Santo 2025

Una corona con la scritta: “Dilexit Ecclesiam”

Preparación

Preparazione a Belmonte

La Pentecoste del 2025, con il Giubileo dei Movimenti, delle Associazioni e delle Nuove Comunità sembra essere una buona occasione. Il Movimento di Schoenstatt tedesco, ad esempio, sta programmando un pellegrinaggio a Roma per questo evento, che si celebrerà il 7 e l’8 giugno, alla vigilia della Pentecoste e della Domenica di Pentecoste.

Il Movimento di Schoenstatt in Italia e il Centro Internazionale di Belmonte stanno preparando da tempo un’incoronazione il 9 giugno, festa di Maria, Madre della Chiesa, e il Giubileo della Curia Romana con i Nunzi. All’inizio di marzo 2024, è stata costituita una commissione internazionale per preparare l’incoronazione della Madre Tre Volte Ammirabile come “Regina Madre della Chiesa” nel Santuario di Belmonte a Roma. Nei due anni precedenti, un altro gruppo aveva definito le intenzioni dell’incoronazione e aveva informato e invitato il Movimento in tutto il mondo. I dettagli si possono trovare sul sito ufficiale di Schoenstatt www.schoenstatt.com (non ancora sul sito di Belmonte).

Marie-Christine Jeannenot, del primo corso della Federazione Apostolica delle Famiglie di Schoenstatt in Italia, ci dice con grande entusiasmo: “L’incoronazione nel giugno 2025 è molto importante e si terrà a Belmonte nel giorno di Maria, Madre della Chiesa (la corona sarà benedetta prima da Papa Francesco e girerà per varie città italiane (e forse anche per la Germania) prima dell’incoronazione) …

Sulla corona, oltre al nome dato alla Madre, sarà incisa la frase di P. Kentenich “Dilexit Ecclesiam”… Quello che si sta preparando qui per l’incoronazione è molto importante per Schoenstatt a Roma, in Italia e in tutto il mondo. C’è un’applicazione in diverse lingue per accompagnare l’incoronazione, tra l’altro con la possibilità di apportare un capitale di grazie in diverse lingue…”.

Equipo de preparación Belmonte

Gruppo di preparazione di Belmonte

Preghiera per il Giubileo

“Tra qualche settimana pubblicherò la Lettera Apostolica con l’annuncio ufficiale” del Giubileo del 2025, ha detto il Papa la mattina del 15 marzo durante un incontro con la Plenaria del Dicastero per l’Evangelizzazione. Accompagniamo Papa Francesco nella preparazione del Giubileo con la preghiera e le “opere giubilari”.

Padre che sei nei cieli,
la fede che ci hai donato nel
tuo figlio Gesù Cristo, nostro fratello,
e la fiamma di carità
effusa nei nostri cuori dallo Spirito Santo,
ridestino in noi, la beata speranza
per l’avvento del tuo Regno.

La tua grazia ci trasformi
in coltivatori operosi dei semi evangelici
che lievitino l’umanità e il cosmo,
nell’attesa fiduciosa
dei cieli nuovi e della terra nuova,
quando vinte le potenze del Male,
si manifesterà per sempre la tua gloria.

La grazia del Giubileo
ravvivi in noi Pellegrini di Speranza,
l’anelito verso i beni celesti
e riversi sul mondo intero
la gioia e la pace
del nostro Redentore.
A te Dio benedetto in eterno
sia lode e gloria nei secoli.
Amen

Puerta Santa

Porta Santa, San Pietro


flecha pfeil

Per tutte le notizie, le informazioni, i materiali di animazione e la preparazione spirituale al Giubileo, il sito web https://www.iubilaeum2025.va è disponibile in otto lingue diverse.

 

In otto lingue

Originale: Spagnolo. Traduzione: Matteo Ciancaglini, pjl

 

 

 

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *