Foto: Arnulf Müller

Postato su 14. Aprile 2019 In Dilexit ecclesiam, La Chiesa - il Papa

Non temiamo l’immensità in cui il Signore vuole porci

GERMANIA, Maria Fischer •

Domenica 31 marzo 2019, durante una solenne Santa Messa Pontificia nella gremita Cattedrale di Fulda, Dr. Michael Gerber (49) è stato ufficialmente presentato nel suo nuovo ufficio di Vescovo della Diocesi di Fulda dal responsabile Metropolita, l’Arcivescovo Hans-Josef Becker (Paderborn). Duemila persone hanno partecipato alla Messa nella Cattedrale di Fulda e dintorni, tra cui molti membri del Movimento di Schoenstatt nella diocesi di Fulda e di tutta la Germania e oltre. Gli schoenstattiani provenienti da Austria, Bolivia, USA e Argentina hanno seguito le cerimonie in diretta di H3.—

Una chiesa pellegrina

Una chiesa pellegrina, ampi spazi aperti, vicinanza alla gente: sono valori che Papa Francesco ha proclama e vive già da sei anni nella Chiesa. Sono valori vissuti anche dal vescovo Dr. Michael Gerber, la cui casa spirituale è con P. Joseph Kentenich. Il vescovo Gerber, il pellegrino, poco prima del suo insediamento, è stato accompagnato da un migliaio di persone in due giorni di pellegrinaggio lungo la “Via di Bonifacio”, specialmente il sabato, quando è arrivato nella sua diocesi. Come ha sottolineato nelle sue parole di congratulazioni il Cardinale Reinhard Marx, Presidente della Conferenza Episcopale Tedesca, è andato a piedi. Un vescovo deve camminare con il suo popolo, a volte in testa, a volte in mezzo a loro, a volte persino in fondo, per portare con sé anche coloro che hanno perso il contatto: solo così potrà davvero sentire ciò che muove le persone.

Tra coloro che hanno accompagnato il nuovo vescovo nel suo pellegrinaggio c’erano molti schoenstattiani di Fulda, dell’Arcidiocesi di Friburgo e perfino della Svizzera. Melanie e Ulrich Grauert hanno detto: “Ieri sera, quando siamo arrivati, i nostri piedi erano veramente doloranti. Molto doloroso! Ma è stata un’esperienza forte! Coronata da un breve incontro sul cammino e da una parola di congratulazioni personali al nuovo Vescovo subito dopo la Santa Messa Pontificia.

Rallegrarsi dell’alleanza di Dio con noi

Già molto prima dell’inizio della solenne celebrazione di investitura, la cattedrale di Fulda, ricca di simbologia, con la tomba di San Bonifacio – che rappresenta l’inizio della fede cristiana in Germania – era gremita di gente. Sotto un sole radioso e un vento gelido, molta gente si è gradualmente riunita nelle vicine chiese parrocchiali e nella piazza del Duomo. Guidato dagli striscioni sia delle associazioni attive nella diocesi di Fulda che del Capitolo della Cattedrale e di quelli in servizio liturgico, così come dalle bandiere di Schoenstatt portate dai giovani, Mons. Michael Gerber è entrato nella Cattedrale. Lì era atteso da più di trenta vescovi, tra cui l’Arcivescovo emerito Dr. Robert Zollitsch, della sua diocesi natale nell’Arcidiocesi di Friburgo, che come lui è membro dell’Istituto dei Sacerdoti Diocesani di Schoenstatt.

Il nunzio papale, l’arcivescovo Dr. Nikola Eterović, ha consegnato la lettera di nomina al decano Prof. Werner Kathrein, che l’ha poi mostrata ai membri del Capitolo della Cattedrale. Il Cappellano della Cattedrale, P. Thomas Renze, come membro più giovane del Capitolo della Cattedrale, ha letto una traduzione tedesca del documento latino. L’arcivescovo Becker ha presentato al vescovo Gerber l’antico pastorale vescovile degli abati e vescovi di Fulda, risalente al XII secolo, e ha accompagnato il nuovo vescovo alla sua Cathedra, o trono vescovile. Così il nuovo vescovo ha “preso possesso” della sua diocesi.

“A nome del vescovo della Chiesa di Roma, che presiede nell’amore” (Ignazio di Antiochia, Lettera ai Romani, Saluto), “Vi auguro, cara Eccellenza, per intercessione della Beata Vergine Maria, Madre, Regina e Vittoriosa tre volte ammirevole, San Bonifacio, patrono di questa diocesi e apostolo dei tedeschi, San Storione, primo abate che ha servito a Fulda, e Santa Elisabetta d’Ungheria, che ha trascorso l’ultimo anno della sua vita a Marburg, tutte le migliori e copiose benedizioni di Dio per il suo ministero pastorale. Guidato dallo Spirito Santo, vi auguro che possiate condurre nel miglior modo possibile i cristiani alla gioia della fede, dando una testimonianza personale ai cattolici e a tutti gli abitanti della diocesi di Fulda, sulla gioia dell’alleanza di Dio con gli uomini, che è eternamente valida e che concederà l’eternità a tutti coloro che vorranno credervi”. Con ciò il Nunzio ha proclamato il motto episcopale del Dr Michael Gerber: “Tecum in foedere” – In alleanza con te. Spicca sulla sede episcopale e sulla vita del nuovo vescovo l’Alleanza d’amore con Maria, una cultura dell’alleanza, l’Alleanza di Dio con il suo popolo, che ci chiama e ci permette di entrare in un’alleanza con i popoli e le culture, un’alleanza con la creazione e con ogni essere umano. Tutto questo è incluso in queste tre semplici parole. È un programma enorme per la vita e per la Chiesa ed è espresso nel pastorale del vescovo che mostra due mani che si toccano. Indica che i rappresentanti del Popolo di Dio raggiungono il nuovo vescovo. Mostra anche esplicitamente che i nuovi battezzati e i catecumeni sono inclusi come gioia personificata nell’Alleanza con Dio.

 

Raccontatevi l’un l’altro di come Dio ci ha toccato.

“Ciò che conta è aprire uno spazio, per consentire relazioni attraverso le quali le persone possano entrare in una relazione personale con Gesù Cristo e il suo Vangelo. Ciò che conta è che, come risultato di questo rapporto con Cristo, le persone siano in grado di affrontare le sfide della loro vita, in modo che non si rompano sotto di loro, ma crescano. Ciò che conta è che da questo rapporto con Cristo le persone siano in grado di formare relazioni umane veramente umane, in modo da imprimere la loro impronta sulla nostra cultura e su questo pianeta. Proprio in un momento in cui i contrasti sono ancora una volta più accentuati, in cui c’è chi sembra prendere il sopravvento, chi predica l’isolamento e chi erige i muri; proprio in questo tempo siamo chiamati ad assumerci nuovamente la responsabilità del nostro pianeta. Dobbiamo vedere questa responsabilità in modo tale da aprire i nostri orizzonti per comprenderne la dimensione mondiale e quindi anche il contesto globale. <<Hai posto i miei piedi in un luogo spazioso>> (Sal 31, 8 NIV). Non temiamo l’immensità in cui il Signore vuole porci”.

Queste sono state le parole del vescovo Gerber nel suo sermone, durante il quale ha parlato con altrettanta chiarezza e urgenza della catastrofe dei sacerdoti che abusano dei minori. Egli ha sottolineato chiaramente che il rinnovamento della Chiesa può avvenire solo attraverso il nostro contatto molto personale con Gesù Cristo – “insieme”. Insieme dobbiamo entrare nel profondo della reciproca ispirazione spirituale:

“Bonifacio è stato un uomo profondamente toccato dal Vangelo – fino agli ultimi minuti della sua vita. Lo testimonia il Codice Ragnydrudis, che oggi è stato collocato davanti all’altare. Quali parole della Sacra Scrittura mi hanno toccato, toccato il mio cuore? Quali eventi della mia vita mi hanno aiutato a crescere? Dove troviamo un eco di questi momenti in cui siamo stati toccati? …. Quando ci riuniamo nei nostri comitati e circoli, nei gruppi o privatamente, il nostro atteggiamento, la nostra attenzione, ha lo scopo di creare un’area dove, oltre alle tante cose che devono sempre essere chiarite e discusse, possiamo raccontarci a vicenda di questi punti di crescita, di queste esperienze chiave. Di tanto in tanto cresceremo anche attraverso quelle esperienze che ci hanno causato dolore. Dove e con chi troviamo una risposta? Dove e come il percorso e il destino degli altri trovano una risposta in me? …. Dove e come entriamo in contatto reale con la vita delle altre persone”?

Una giovane famiglia del Movimento di Schoenstatt ha introdotto questo tema nella propria parrocchia e in questa ci fu un grande cambiamento. Si trova anche in Kentenich, così come in Gerber, come nella IKAF, come in schoenstatt.org. … In modo molto semplice e concreto. Ed è così che sono emerse reti, interrelazioni e comunità senza le quali Mons. Gerber, ha detto, non sarebbe stato in grado di seguire il suo cammino nella vita.

 

Superare la paura dell’impensabile, di ciò che non è stato fatto prima.

Dopo le calorose parole di congratulazioni del Cardinale Marx, del Vescovo Dr. Martin Hein della Chiesa Evangelica di Kurhessen-Waldeck e della Chiesa Evangelica di Hesse e Nassau e del Ministro della Cultura Dr. Lorz, rappresentante del Primo Ministro di Hesse, assente per ragioni di salute, il nuovo vescovo ha dato la sua benedizione e ha ringraziato tutti i presenti e coloro che hanno contribuito alla realizzazione della giornata. Una folla numerosa di persone si è poi diretta verso il giardino del vicino Seminario e lungo il cammino sono stati scambiati i saluti col nuovo vescovo. Le parole della predica li accompagnavano, incoraggiandoli a non aver paura del grande spazio aperto in cui Dio li aveva messi, anche quelle persone che, con questi grandi spazi aperti, conducono la Chiesa e noi cristiani in quello che prima era impensabile, per arrivare lì dove Gesù Cristo ha bisogno di noi oggi: con la gente e la profondità del loro rapporto con lui.

E l’esperienza fatta sulla strada per Fulda è stata qualcosa del genere.

A poco più di trecento metri da me, sull’autostrada a due corsie, si levò nell’aria fumo nero e denso. Secondo il navigatore mi trovavo a soli due chilometri dall’uscita successiva. Un veicolo era in fiamme. Ci è voluto un po’ di tempo perché la prima autopompa dei pompieri ci raggiungesse lungo la corsia di soccorso. Ne sono seguiti altri cinque. L’aria era ancora piena di fumo e la gente aveva ancora paura. Poi una macchina della polizia è arrivata dalla direzione opposta e diede un breve ordine attraverso l’altoparlante: Tutti dovevano spostarsi; il traffico sarebbe stato deviato. Quando ero quasi riuscita a voltare la macchina, un autista vicino a me ha iniziato a suonare il clacson e a gesticolare. Poi ha abbassato il finestrino e ha gridato: “Chiamo la polizia, tu guidi dalla parte sbagliata!”. Molti si sono voltati e sono andati via. Alcuni avevano macchine così grandi che non riuscivano a spostarle. Altri non riuscivano a capire come avrebbero dovuto viaggiare nella direzione sbagliata sull’Autobahn, anche se era stato detto di farlo dalle più alte autorità. Dovevamo fare l’impensabile e continuare se volevamo raggiungere il nostro obiettivo. Ci siamo arrivati per un’altra strada e in un modo diverso.

Questa è la Chiesa nel 2019. Questo è Papa Francesco, che ci sfida a percorrere la corsia di soccorso. Con Amoris Laetitia, con misericordia, con solidarietà verso i migranti, i prigionieri, i senzatetto…. Alla radio ho sentito che ci sono volute fino alle 18:00 per sgombrare l’autostrada e riparare la strada danneggiata dal caldo. Forse c’erano ancora delle persone bloccate lì.

Quando sono arrivato a Fulda poco prima delle 15.00, molto più tardi del previsto, non potevo più entrare nella Cattedrale, pur essendo giornalista. Davanti al grande schermo esterno ho incontrato David Brähler, che non vedevo da anni. Guidare nella direzione sbagliata sull’autostrada mi aveva portata proprio lì e in quel momento.

 

Fotos: Arnulf Müller, Ralph Leupold (Presse), Ulrich Grauert, María Fischer

Originale: Tedesco 31/3/2019. Traduzione: Alessia Lullo, Roma, Italia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *