Kentenich Buch Urteil

Postato su 2021-10-31 In Kentenich

Le Sorelle di Maria hanno perso in tribunale – almeno per il momento

GERMANIA, Maria Fischer •

Le Sorelle di Maria di Schoenstatt stanno combattendo con mezzi legali Non solo in Brasile – contro la città di Santa Cruz do Sul e gran parte del Movimento di Schoenstatt contro il piano di vendere il terreno sul quale sorge il Santuario e la prevista demolizione di quest’ultimo – ma anche in Germania davanti ai tribunali. Ciò avviene contro la storica dott.ssa Alexandra von Teuffenbach e la casa editrice Bautz per l’omissione di alcune affermazioni in un libro ormai da tempo pubblicato e tradotto. Un libro, tuttavia, che ha fatto più scalpore a Schoenstatt e nel mondo come quasi mai avvenuto prima e che ha innescato una crisi (di guarigione?) che è andata oltre il suo vero argomento. E la causa per il momento è stata persa, come ha diffuso oggi la KNA.

“Il libro della storica della chiesa romana Alexandra von Teuffenbach sul fondatore del Movimento Cattolico di Schoenstatt, padre Joseph Kentenich (1885-1968), può continuare ad apparire integralmente. Il tribunale regionale di Berlino ha respinto in primo grado un’istanza diretta all’emissione di un’ingiunzione contenente l’obbligo di astenersi da alcune dichiarazioni presenti nella pubblicazione (che riguardano tra l’altro abusi), come ha annunciato venerdì un portavoce del tribunale. I motivi della decisione non erano ancora disponibili per iscritto, ha affermato. La sentenza non è ancora giuridicamente vincolante e può essere impugnata in Cassazione. Il richiedente era l’Istituto Secolare delle Suore di Maria di Schoenstatt”, secondo la notizia su katholisch.de del 18 settembre.

Negli ultimi mesi si era fatto fin troppo silenzio sull’argomento.

  • In molti luoghi ci si è comportati come se il libro “Vater darf das / El Padre puede hacerlo” (Il Padre può farlo)e le tante appassionate domande e discussioni sul comportamento del Padre verso alcune Sorelle di Maria (e viceversa) non esistessero.
  • Ci sono stati schoenstattiani che non hanno più trovato un posto per se stessi e hanno voltato le spalle a Schoenstatt.
  • Altri schoenstattiani hanno invocato una santa crociata contro le pubblicazioni e la loro autrice.
  • Le Sorelle di Maria, nel frattempo, si sono recate in tribunale.
  • Ci sono stati schoenstattiani irritati dalle reazioni ufficiali che hanno iniziato a chiedersi cosa stesse succedendo a Schoenstatt; o ancora altri che sono andati avanti, hanno studiato e continuano a studiare processi e strutture nell’odierno Schoenstatt che abusano del potere e della coscienza.
  • C’erano e ci sono schoenstattiani che hanno trovato una nuova relazione con Padre Kentenich: un uomo con proprie fratture, esperienze traumatiche ed errori, e un compito immane caricatogli da Dio sulle spalle. Alcuni parlano di un “Kentenich Kintsugi”. Si chiama Kintsugi il metodo tradizionale giapponese per riparare le preziose ceramiche con una lacca dorata. Le fratture sono enfatizzate piuttosto che nascoste, così come ad essere enfatizzati sono la semplicità e l’apprezzamento delle imperfezioni.
kintsugi

Kintsugi

E adesso? Quo vadis, Schoenstatt?

Le Suore di Maria hanno fallito in prima istanza. L’appello è possibile. Una fonte affidabile ha affermato che “continueranno a querelare finché esisteranno”.

Le informazioni da Berlino arrivano in prossimità dell’incontro di papa Francesco con i presidenti e i leader dei movimenti e delle associazioni e il suo discorso riguardo all’abuso di potere e all’appropriazione del carisma del Fondatore. Forse solo una coincidenza.

Originale: tedesco 18.09.2021 Traduzione: Alessia Lullo, Roma, Italia

Tags: , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.