Dilexit ecclesiam

Postato su 2020-11-28 In Kentenich, Riflessioni e opinioni

Crisi di Kentenich – Crisi della Chiesa (1)

P. Kurt Faulhaber, Germania •

“La crisi di Kentenich e la crisi della Chiesa allo stesso tempo: cosa hanno a che fare l’uno con l’altro nelle intenzioni di Dio? Due eventi che commuovono i nostri cuori in modo straordinario. Come due onde che convergono e si cambiano a vicenda, amplificate l’una dall’altra”. – Così è cominciato più di un mese fa un discorso di P. Kurt Faulhaber, dell’Istituto dei Sacerdoti Diocesani di Schoenstatt, nella conferenza dei delegati del Movimento di Schoenstatt in Germania. È stato un discorso appropriato per quel momento e per la situazione in Germania. Ma c’è stato qualcuno che non si è dato pace e che si è sempre rammaricato del poco tempo a sufficienza per discutere di quanto accaduto, perchè queste proposte dovrebbero davvero essere diffuse più ampiamente e, si spera, anche discusse. Con il consenso del relatore, pubblichiamo parti di quel discorso, a partire dalla “crisi di Kentenich”.—

Discussione desiderata

Pfr. Kurt Faulhaber

Don Kurt Faulhaber

Ricordo quanto rimasi sorpreso nel sapere dal nostro Padre Kentenich che il Visitatore Tromp era aveva una missione a Schoenstatt. Oggi, Alexandra von Teuffenbach continua questa missione di padre Tromp dopo più di mezzo secolo. Le lotte di allora erano solo l’inizio per lui [1]! Negli ultimi anni della sua vita, ha aspettato il momento in cui i conflitti pacifici sarebbero ricominciati. Sì, voleva “scongiurarli”. “Domani, dopodomani, non ancora”, disse durante il nostro corso quattro settimane prima di morire [2]. Ora, dopo decenni, quel “dopodomani” sembra arrivato.

Perché Padre Kentenich è rimasto in silenzio dopo il suo esilio? Al suo ritorno ha sperimentato che la Famiglia di Schoenstatt non era abbastanza matura per continuare le lotte. Essa doveva essere prima di tutto “trasformata interiormente”, e ancora di più doveva essere di nuovo unita. Siamo più trasformati oggi? Più uniti? Immaginate se Mons. Bätzing chiedesse a Mons. Gerber: Potete farmi avere, prima del prossimo incontro, una relazione sul pensiero di Schoenstatt riguardo ai temi del Sinodo? Troverebbe una risposta comune? O verrebbero rivelate le faglie nascoste anche nelle singole comunità? Forse il nostro Padre Fondatore vuole unirci attraverso questi attacchi dall’esterno? Se oggi l'”esame filiale” delle Suore viene attaccato, allora ognuno di noi deve essere qui per rispondere alla domanda. Questo può unire.

Dio vuole fare un argomento speciale di ciò che viene attaccato.

Era un principio guida di P. Kentenich. Ora abbiamo il nostro tema! Il tempo in cui Schoenstatt voleva  essere accarezzato dalle autorità della Chiesa sembra finito. Sembra che il nostro padre fondatore voglia guidarci in un dibattito su tutte le questioni controverse che la Chiesa sta affrontando, almeno in Germania, e che possono raggiungere un punto critico e che rappresentano questioni importanti per la Chiesa universale.

Così come allora chiese a p. Menningen: “Alex, vieni con me?” Oggi ci chiede: “Mia famiglia di Schoenstatt,  vieni con me?

Ci chiediamo: dove? Cosa pensa di fare nostro padre con la rinnovata disputa sulla sua persona? Come potrebbe essere “il nostro andare insieme”?

A quel tempo fu una lotta tra nostro padre e la Chiesa, per decidere quale sarebbe stata la sua strada in quel momento. Questa è la lotta che vuole continuare. Perché nella Chiesa, nel suo insieme, è scoppiata una lotta feroce per trovare la sua strada

“Schoenstatt per la Chiesa!”

Leggiamo “Dilexit Ecclesiam” ogni volta che siamo sulla tomba di P. Kentenich. Non si tratta solo o principalmente di Schoenstatt, si tratta della Chiesa. Quando il padre fondatore incontrò i vescovi tedeschi e le istituzioni romane, mise a rischio l’esistenza di Schoenstatt. Vedeva la Chiesa così in pericolo, tanto da esser disposto a sacrificare Schoenstatt. Ciò che disse una volta davanti alla minaccia nazista, lo pregò prima del rigetto della Chiesa: «Vuoi portarmi via questo figlio… qui… Lo vuoi vedere morto tra le mie braccia? Prendi il figlio… il suo destino… ».

Con questo è andato oltre il passo “Tutto per Schoenstatt” per arrivare al passo successivo: “Schoenstatt per la Chiesa!” Questo è un passo che dobbiamo fare ancora e ancora.

Oggetto dell’attacco: il rapporto genitore-figlio

KentenichAllora cosa è stato e cosa viene attaccato per farne il nostro obiettivo, il nostro compito?

Kentenich è di nuovo accusato oggi di “abuso sistematico di potere e abuso sessuale in un caso”. I Visitatori, nelle loro relazioni a Roma, avevano già “dipinto il quadro di un fondatore altamente manipolatore, che impedisce sistematicamente alle suore la libertà di coscienza”.

Qual è la realtà dietro questa distorsione? Che P. Kentenich si è dato totalmente e completamente come padre e si è lasciato vivere come un padre che non solo ha permesso le emozioni e gli attaccamenti affettivi alla sua persona, ma li ha anche affermati, incoraggiati e coltivati.

Dall’esperienza che queste emozioni e questi legami creano, essi si trasferiscono dalla sua persona a Dio Padre e attraverso questo cresce un’esperienza vitale di Dio Padre e un attaccamento indissolubile a Lui. In questo modo, le esperienze perdute dell’infanzia vengono risvegliate nelle persone adulte, vengono recuperate, in questo rapporto genitore-figlio, usando il linguaggio del bambino, sviluppando immagini, canzoni, simboli infantili e anche sdolcinati. E tutto questo viene migliorato nella comunità, con l’appartenenza a questo genitore e la volontà di essere obbediente. Perché tutto questo sia una conversione all’infanzia, come Gesù chiede a tutti coloro che vogliono entrare nel Regno dei Cieli. (cfr. Mt 18,2)

Posso capire chiunque si offenda per questo. Dopo un decennio di scandali per gli abusi nella Chiesa, molte migliaia di volte, tutti questi processi di vita hanno perso la loro innocenza in pubblico.

Che ci piaccia o no, vengono associati ad abusi spirituali.

Abbiamo tutte le ragioni per sperare che le accuse di abuso sessuale vengano chiarite. Ma il compito di distinguere questo mondo spirituale padre-figlio dall’abuso spirituale, di comprenderlo nel suo significato contemporaneo e di aiutarlo a farsi strada è appena iniziato.

Famiglia di Schoenstatt, vieni con me?

Con te dove? Sul sentiero delle voci dell’anima

Con la fondazione della federazione a Hörde, è stata presa una decisione che è ancora oggi innovativa per il “lavoro sui dettagli dell’anima” [4]. Nostro padre stabilì un “programma” e dichiarò solennemente il primato della “vita interiore”. Ha seguito questa strada per tutta la vita. Durante il suo anniversario di nozze d’oro sacerdotale dichiarò che “senza dubbio aveva accolto per sé tante, tante anime – anime sane e ammalate, in lotta e oppresse di ogni genere … in tutti i luoghi dove mi era permesso … le emozioni più delicate e belle, ma anche ascoltare i movimenti più potenti e appassionati del cuore umano – sia esso uomo o donna, sacerdote o laico – e imparare a distinguere lo spirito dell’uomo dallo spirito di Dio, la parola dell’uomo dalla parola di Dio. “” In definitiva, la voce di Dio è ovunque “[5].

Vorrei iniziare dicendo che questa mi sembra essere la chiamata di Dio per noi, attraverso gli eventi della causa Kentenich – come nostro contributo alla Chiesa oggi.

Rifondazione dalle voci dell’anima [6].

L’orientamento alle voci delle anime è assolutamente indispensabile per i tempi di una rifondazione di Schoenstatt. P. Kentenich ha scritto a P. Menningen (accorcio la citazione): “Lasciate che vi racconti come si è sviluppato Schoenstatt dal 1919. Dopo aver aperto il mio cuore e aver creato una certa atmosfera attraverso alcuni colloqui, la mia attività principale è stata: essere disponibile giorno e notte per aiutare gli individui a risolvere i loro problemi mentali e servirli nell’aiutarli a risolvere i loro complessi psicologici, specialmente il disturbo ossessivo-compulsivo che era diventato molto intenso durante la guerra [7].

La mia esperienza: riverenza e affetto

Nel mio colloquio personale di quasi due ore con nostro padre, ho notato quanto segue: poiché non potevo parlare, lui doveva dirigere la conversazione ponendomi delle domande. Non faceva domande indiscrete, solo quelle che si potevano fare davanti ad un bicchiere di birra e in presenza di altre persone: come finanziavo i miei studi, le mie materie preferite, chi cucinava per noi, ecc. Ma il suo interesse mi ha fatto iniziare a parlaree sempre più personalmente e dopo un’ora e mezza ho potuto finalmente dire ciò che ero venuto a raccontare e ciò che era importante per me.

Da un lato, ho sperimentato il suo grande riserbo reverenziale e il rispetto per la mia personalità e la mia libertà, dall’altro, ho sperimentato il suo ingresso nel profondo dell’anima quando gliel’ho aperta in libertà. Se mancasse questa venerazione per la libertà, si dovrebbe fare i conti con l’abuso spirituale. Non c’è traccia di questo dopo la mia esperienza.

Prestare attenzione alle esigenze

Com’è questo percorso dalla vita esteriore alla vita interiore, dalla superficie alla profondità dell’anima? Secondo l’autodiagnosi di nostro padre, quando incontrava una persona, prestava attenzione ai suoi bisogni,[8] non solo a quelli espressi, ma anche a quelli inespressi.[9] Non solo quelli che erano conosciuti consapevolmente, ma anche quelli che rimanevano incoscienti. Il percorso dei bisogni portava sempre più in profondità. Ho vissuto me stesso – secondo nostro padre – “nel tempo, sempre più come un cacciatore di tesori… a cui era permesso di estrarre il metallo prezioso dalle più segrete e profonde miniere d’oro delle anime delle donne nobili, che naturalmente avevano bisogno di essere purificate e guarite in molte direzioni diverse”.

Amare ed essere amati

Rimanere in questa immagine: scendendo nel profondo dei bisogni, ha percepito come tutti, in realtà, sono riconducibili ad uno solo: essere amati e poter amare. La radice da cui nascono tutte le esigenze. L’insaziabile desiderio di amare e di essere amati si è manifestato in vari modi: l’amore della madre, l’amore del padre, l’amore della coppia, l’amore del fratello e della sorella, l’amore dell’amico e il più profondo e originale: l’amore del bambino.

Trasferimento a Dio

Ora arriva una visione innovativa e trascendentale: ecco il luogo del pozzo dell’esperienza di Dio e del rapporto con Dio. L’esperienza di base pienamente umana dell’anima – essere amati, amati, accettati, protetti – può balzare a Dio, quando la persona amata è unita a Dio. Può, non deve, perché la grazia è proprio questo. Con parole bibliche: qui il Verbo si fa carne e dimora nell’anima della persona.

Lo ha riconosciuto: se il riferimento a Dio non è alimentato da questa fonte umana, che gli permette di diventare vitale, emozionale e di penetrare la persona nel profondo inconscio dell’anima, allora Dio rimane solo un’idea. Una pratica senza anima, a cui si può facilmente rinunciare, se le condizioni sono favorevoli. Attualmente lo stiamo vivendo come un fenomeno di massa.

Anche questa esperienza di base è sempre una delusione di base, perché porta ferite nel suo seno. Spesso le portiamo con noi per tutta la vita. A seconda della loro gravità, possono farci ammalare. Ma le delusioni possono anche trasformarsi in desideri. L’esperienza la delusione di base modellano inconsciamente le nostre relazioni con le altre persone per tutta la vita. E – questo è ciò che conta nel nostro contesto – sono trasferiti alla nostra concezione di Dio e al nostro rapporto con Lui.

Il bambino interiore

La procedura decisiva per Dio per “risvegliarsi nell’anima” è quindi quella di toccare, aprire, liberare, guarire l’anima del bambino nascosto che raggiunge la prima infanzia, guarire le ferite e compensare il più possibile le esperienze perdute.

Questo è esattamente quello che ha fatto nostro padre: ha innovato.

Il fatto che i libri di Stefanie Stahl su questi temi siano in cima alle classifiche dei best-seller, che siano state vendute milioni di copie e che all’autrice vengano regolarmente richiesti colloqui e interviste alla stampa, dimostra quanto questo influisca sulle esigenze dell’uomo contemporaneo. Il suo lavoro più recente: “Il bambino che è in te deve trovare una casa. La chiave per risolvere (quasi) tutti i problemi”.

Vivere Dio nel padre umano

P. Kentenich, che per decenni aveva messo la sua persona quasi eccessivamente in secondo piano, ha cambiato radicalmente il suo atteggiamento in risposta a queste percezioni: ha permesso a Dio di far sperimentare in lui la sua paternità divina e di lavorare come essere umano paterno, di far crescere i vincoli spirituali con la sua persona, di attirare i cuori delle persone a se stesso, il Dio Padre, con questi vincoli.

E, inoltre: “Nostro padre permetteva alle persone di dispiegare ed esprimere i loro bisogni emergenti dell’infanzia, in varie forme. Confidando che anche nelle cose immature ed esagerate ci fosse dell’oro vero che nascondeva ciò che doveva essere purificato.

Accettare un giudizio errato

Lasciatemi parlare umanamente per una volta, senza essere illuminato: tutto questo gli è stato fatale. In questo modo, si è offerto come bersaglio per essere frainteso, per essere attaccato, per essere sospettato, per diventare insopportabile.

Si è preso questa responsabilità, con gli occhi ben aperti. Per l’amore di Dio: aprire un cammino nell’anima dell’uomo.

Per amore dell’uomo di oggi: per mostrargli una via verso Dio, come lo cerca il cuore umano.

Per amore della Chiesa: sviluppare per lei un’evangelizzazione secondo una pedagogia e una psicologia per l’uomo di oggi.

Per questo fece la cosa più imprudente che si potesse immaginare: decise di aprire la sua “bottega delle anime” a tutti i responsabili della pastorale, – per dirla con parole sue: – “per rivelare tutte le lettere, senza eccezione” (Apologia 046). (009) Tragicamente, il suo discorso è arrivato solo a pochi funzionari che erano stufi dei suoi lunghi discorsi. Solo ora la signora von Teuffenbach gli ha dato la pubblicità che desiderava e “con spietata franchezza”.

 


1] Cfr. il ritiro dell’Istituto dei Sacerdoti di Würzburg 1966. 25. 11. 1966. 1° Conferenza, pp. 273-282 (edizione tedesca)
2] “Questo, quindi, deve essere dato per scontato, probabilmente deve anche aspettare; forse domani, dopodomani, non ancora; in ogni caso, personalmente faccio tutto il possibile per non accendere spesso una disputa, come in passato, un incendio nella Chiesa pubblica. Ma non ancora. Ora dobbiamo far vedere che siamo uniti, che stiamo diventando sempre più uniti… Prima di tutto dobbiamo rappresentare una potenza, poi verrà il momento di avventurarsi, di andare sul palcoscenico di una battaglia, di evocare da lì una discussione con la Chiesa… Prima dobbiamo consolidare, essere uniti, in modo che nessun potere al mondo, ma anche nessun potere dell’Inferno, possa separarci…. Prepararci, rappresentare una torre, una torre inespugnabile per i conflitti non trascurabili che possiamo e dobbiamo affrontare (Dal discorso per la consacrazione del percorso del pellegrinaggio del 17. 08. 1968) (edizione tedesca)
3] Die Tagespost del 14. 10. 2020
4] Abbiamo creato “un programma che equivale a una rappresentazione solenne della vita interiore”. Lettera dell’8 novembre 1919, pubblicata come ultimo testo in “Sotto la protezione di Maria”.
5] “Per il Giubileo d’oro dei sacerdoti”, Monte Sion 1985, p. 134f (edizione tedesca)
[6] “per tenere costantemente gli occhi fissi sulla vita dell’anima dei nostri seguaci. “Se si vuole leggere dalle anime la volontà e il desiderio di Dio, bisogna sempre essere in contatto con loro con attenzione, capire come aprire le anime, leggerle e trasmettere lentamente ciò che si è letto a tutta la famiglia. Lettera a p. Menningen sulle questioni della nuova fondazione del 9 dicembre 1953 (edizione tedesca)
7] Lettera da Milwaukee, 9 dicembre 1953
8] P. Kentenich letteralmente: “tutti gli impulsi e i desideri
9] Apologia pro vita mea, Milwaukee 1960 S. 90 (099)
10] Apologia pro vita mea, Milwaukee 1960, S. 105 (117)
11] Cfr. Osea 11,4: “Li ho legati con legami umani, con legami d’amore.

Originale: Tedesco, Traduzione: Alessia Lullo, Roma, Italia

Tags: , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.