Postato su 2020-07-08 In Kentenich

Processo di beatificazione di Kentenich: il vescovo Ackermann annuncia la nomina di una nuova commissione storica

COMUNICATO STAMPA DELLA DIOCESI DI TRIER, Judith Rupp •

Il vescovo mons. Stephan Ackermann ha annunciato la nomina di una nuova commissione storica per il processo di beatificazione di P. Josef Kentenich. Il motivo è che dopo l’apertura dell’archivio vaticano (per ora fino alla fine del pontificato di Pio XII nel 1958) sono disponibili documenti che prima non erano accessibili per la ricerca diocesana nel processo di beatificazione del fondatore del Movimento di Schoenstatt.  Così ha spiegato il vescovo di Treviri responsabile del processo di beatificazione, Ackermann, il 7 luglio scorso. —

La normativa vigente prevede una commissione di storici per ogni procedura di beatificazione. La nuova commissione si baserà sui risultati di una precedente, che ha concluso i suoi lavori nel 2007. Il compito della nuova commissione, i cui membri non sono ancora stati nominati, sarà quello di raccogliere soprattutto tutti i documenti dell’archivio vaticano ora accessibili, che in qualche modo riguardano questo processo di beatificazione e di valutarne l’importanza. I documenti possono essere dello stesso Padre Kentenich o possono riferirsi a lui e alla sua opera.

Sarà inoltre compito della commissione confrontare il materiale recentemente trovato con i documenti già raccolti e valutati dalla precedente commissione da altri archivi. Alla fine del suo lavoro, la commissione preparerà una relazione – compresi i risultati della precedente commissione – in cui sarà anche fatta una dichiarazione sulla personalità e sulla spiritualità di p. Kentenich.

Il processo di beatificazione di P. Josef Kentenich è stato aperto nella diocesi di Treviri dal vescovo Bernhard Stein il 10 febbraio 1975 e non è stato ancora chiuso a livello diocesano.


Traduzione dell’ articolo sul giornale “Triererer Volksfreund”.

 

Il vescovo di Treviri indagherà sulle accuse contro P. Kentenich

Di Rolf Seydewitz

Il vescovo di Treviri, Stephan Ackermann, ha annunciato la nomina di una nuova commissione storica nel processo di beatificazione. Il motivo è che “dopo l’apertura dell’archivio vaticano, sono ora disponibili documenti che prima non erano accessibili alla ricerca diocesana nel processo di beatificazione”, ha detto la portavoce diocesana Judith Rupp.

Il compito della nuova commissione di storici, i cui membri non sono ancora stati nominati, è di raccogliere tutti i documenti accessibili negli archivi vaticani che in qualche modo riguardano questo processo di beatificazione e di valutarne l’importanza. I documenti potrebbero essere dello stesso padre Kentenich o potrebbero riferirsi a lui e alla sua opera, ha detto la portavoce.

Secondo nuove ricerche di una storica, si dice che il sacerdote cattolico, padre Josef Kentenich, morto 52 anni fa, abbia manipolato fortemente e in un caso abbia anche abusato delle religiose. Un portavoce di Schoenstatt ha affermato che le accuse erano note da molto tempo e che erano già state confutate.

Il processo di beatificazione di P. Josef Kentenich è stato aperto nella diocesi di Treviri dal vescovo Bernhard Stein il 10 febbraio 1975 e non è stato ancora chiuso a livello diocesano. Alla fine della scorsa settimana, la portavoce diocesana Judith Rupp aveva sottolineato che se il nuovo materiale dimostrasse “che l’integrità morale del candidato non è data, allora il processo di beatificazione dovrebbe essere sospeso”.

Originale: tedesco, 07.06.2020 Traduzione: Pamela Fabiano, Roma, Italia

 

E ora? Pubblicati documenti che accusano p. Kentenich di abuso di potere.

 

 

 

 

 

 

Tags: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.