opere di misericordia Categoria

PARAGUAY, Ani Souberlich y Maria Fischer • Il 12 febbraio si è compiuto un anno dalla benedizione della prima pietra per iniziare a costruire Casa Madre di Tupärenda in Paraguay. Si tratta di un centro per la reintegrazione sociale di adolescenti che sono stati in conflitto con la legge. In soli sei mesi è stata costruita la casa e si sono aperte immediatamente le porte per accogliere i partecipanti, che oggi sono già 19. Sono passati 6 mesi nei quali giorno per giorno possiamo essere testimoni di “piccoli grandi miracoli”continua
ITALIA/UNIONE EUROPEA, di Álvaro Real, via Aleteia.org • 700 persone sono state accolte attraverso il “corridoio umanitario” da parte della Comunità di Sant’Egidio, per un anno. Un record se si considera i dati di accoglienza dei rifugiati provenienti dai paesi dell’Unione Europea. Questa iniziativa conta più rifugiati nel 2016 di quelli ospitati complessivamente dai 15 paesi dell’Unione Europea. Solo un anno di vita di un progetto che sta avendo un successo senza precedenti e permettere ai rifugiati di raggiungere l’Europa legalmente e in sicurezza. Grazie all’accordo con l’Italia, Sant’Egidio coprecontinua
ITALIA, Pamela Fabiano • Un aggiornamento su Aleppo e sulla storia di Suor Maria Guadalupe Da qualche mese, sul nostro sito, cerchiamo di mantenere vivi l’attenzione e l’interesse, per come possiamo, sulle vicende che stanno avendo luogo in Siria e in Iraq. La guerra, come tutti sappiamo, non accenna affatto a diminuire e le popolazioni inermi non possono far altro che fuggire – ancora, fino a quando? –  o vivere di stenti in mezzo alle rovine di città rase al suolo. I media di tutto il mondo, però, sembrano noncontinua
PARAGUAY, Ani Souberlich • “Una cosa, […] è ciò che meritiamo per il male compiuto; altra cosa, invece, è il “respiro” della speranza, che non può essere soffocato da niente e da nessuno. Il nostro cuore sempre spera il bene; ne siamo debitori alla misericordia con la quale Dio ci viene incontro senza mai abbandonarci (cfr. Agostino, Sermo 254, 1). […] l’ipocrisia fa sì che non si pensi alla possibilità di cambiare vita: c’è poca fiducia nella riabilitazione, nel reinserimento nella società. Ma in questo modo si dimentica che tutti siamo peccatoricontinua
SPAGNA, Elena Martín Otín • Si sono compiuti già dieci anni dalla nascita di Betania-Spagna. Quella che è nata come una piccola realtà di quattro donne separate sotto la guida e la protezione della loro fondatrice, María Luisa Erhardt, e di don Gabriel García Serrano – Padre Gabriel – , il nostro consigliere, è oggi una grande realtà formata da più di duecento donne divise in dodici gruppi, tutte unite dal fattore comune della fine del loro matrimonio. Molte di loro stanno affrontando il processo di annullamento matrimoniale o locontinua
BOLIVIA, Fabián Aguirre • In quest’Anno Santo, la musica, la misericordia, l’arte, la disabilità, il talento e la solidarietà si sono uniti in un progetto che un missionario della Madonna Pellegrina in Bolivia si è deciso a lanciare in favore dei bambini disabili di un piccolo centro della città di El Alto, dove vengono accudite persone con gravi difficoltà fisiche, cognitive, sensoriali e psicosociali. Com’è nato il progetto? In Bolivia, fin dall’inizio di questo Anno Santo, le persone con disabilità hanno ripetutamente reclamato un maggiore aiuto economico da parte dellecontinua
 PARAGUAY, Roberto Zárate Peña • Il progetto dell’Alleanza Solidale ha come uno dei suoi principali obiettivi quello di appoggiare il sistema sanitario delle comunità Nivaclés di Cacique Sapo, Misión Escalante e San José Esteros. A Cacique Sapo, con la collaborazione dell’Ambasciata della Germania, abbiamo costruito un ambulatorio medico totalmente equipaggiato. A Misión Escalante, 35 km più a Nord e vicino al confine con l’Argentina, abbiamo installato l’aria condizionata nell’ambulatorio per rendere più sopportabile il lavoro del medico che risiede lì e deve prestare il suo servizio a tre comunità dicontinua
CUBA/INTERNAZIONALE, Maria Fischer • Oltre 850 morti ad  Haiti, 8 a Santo Domingo – I Danni fatti dall’uragano Matthew ancora non possono essere quantificati. Molti posti non sono raggiungibili perché i ponti sono crollati, le frane ostruiscono le strade e le inondazioni li tagliano fuori dal resto del mondo. Una valutazione iniziale stima una distruzione di circa ventimila case. E tutto questo è accaduto in un paese che ancora non si era del tutto ripreso dal terribile terremoto del 2010 e che è il più povero del continente Americano. Lecontinua
GERMANIA, Irmgard Mölder • Irmgard Mölder di Münstertal, Germania, lavora attivamente da più di un anno con una squadra di aiuti per rifugiati. Si incontra una volta al mese con un gruppo di Schoenstatt e partecipa intensamente nella Campagna della Madonna Pellegrina. Qualche anno fa, fece volontariato ad Haiti. Su richiesta della redazione di Schoenstatt.org, lei ci ha raccontato in dettaglio il suo lavoro con i rifugiati, in modo sincero e realista. Due anni fa, nell’estate del 2014, sono andata in pensione. A ottobre, sono andata a visitare la miacontinua
Messico, Massy Gonzales • Qualche mese dopo, frequentando il  gruppo delle Madri di Schoenstatt, un gruppo di amici mi invitò a prendere parte all’apostolato per i parenti dei pazienti presenti alla Social Security Clinic 25. E’ stata un’opportunità eccellente, perché ero in cerca di qualcosa che potesse contribuire al Capitale di Grazia. Così ho iniziato questo bellissimo servizio, attraverso la mano della Madre e offrendoLe ogni cosa. Il nostro lavoro consiste nel fornire più di 200 colazioni, che consistono in panini, biscotti, frutta, acqua fresca, ai parenti dei pazienti dicontinua