Postato su 5. novembre 2017 In Campagna

Tua Alleanza nostra missione

ITALIA, Gisela Ciola •

Noi missionari del Nord Italia, fedeli al nostro impegno missionario, lo scorso 9 ottobre, ci siamo messi all’opera. Ci preparavamo per presentare per la prima volta la nostra Regina nella comunità di Erba (Como) con una messa in Suo onore.

“Carissima Madre, Regina e Vincitrice Tre Volte Ammirabile di Shoenstatt, grande è la nostra gioia e immensa la nostra gratitudine per l’incarico che oggi ricevo da te (…) (…) mi impegno per avvicinare le famiglie alla parrocchia e al tuo Santuario, come luogo spirituale di grazie (…) “

Molto è stato il lavoro fatto, ogni uno di noi aveva un compito ben preciso e importante: fare locandine per invitare le persone a partecipare alla messa, coordinarsi con il parroco, preparare la presentazione da fare in chiesa, organizarsi logisticamente per gli spostamente da Trento a Como, ec…

Quel giorno ci presentiamo nella chiesa di San Maurizio accompagnati da un nostro gruppo di preghiera. Finito il rosario e la prima messa, il sacerdote ci chiama per portare la Mater sull’altare e la collocai proprio sull’altare! Noi eravamo felicissimi perchè finalmente vedavamo la Nostra Pellegrina ricevuta come una Regina, in un posto tanto privilegiato circondata di candele e di inmenso amore di tutti I presenti, persone che ci hanno spresso quanto erano onorati di essere li accompagnandola e ringranziandoci tanto per averla portata.

Allora pensai: quanto è bello vedere Madre dove sei arrivata! So che hai ancora tanto in serbo per noi, e come un Tuo fedele strumento ti porterò ancora ovunque tu voglia andare, eccomi! Eccoci! Quella sera ho affidato più che mai il nostro lavoro di missionari nelle sue mani.

“ (…) fammi degno di questa missione! Viene con me Madre Carissima, portatrice di Cristo (…) “

Nei giorni successivi diverse persone si sono avvicinati ai missionari chiedendo la Pellegrina! E tutto ciò accade solo con la Sua presenza!!!.

La mattina dopo la messa abbiamo conosciuto un altro sacerdote (di un’altra chiesa) che conosceva di Shoenstatt e aveva con se una immagine della mater sul suo comodino! E che con molto piacere voleva partecipare delle prossime messe che si faranno in suo onere!

Eccola Lei! Che ancora una volta risposse alle mie preghiere, che ci manda da subito segni tangibili di quanto è importante quello che facciamo e di quanto è contenta del nostro lavoro, grazie Madre per questa iniezione d’amore!

Pellegrina sul altare

Il Pellegrinaggio continua: verso il Santuario e non solo…

Passati questi due merevigliosi giorni insieme a Milano, il gruppo di missionari si divide, nel vero senso della parola, è evidente che nostra Madre ha ancora molto da fare e lo vuole fare in fretta! Si sa che I nostri tempi non sono quelli del cielo, quindi, se Lei ha fretta noi corriamo dietro di Lei. Ancora una volta ci ha messo all’opera, dando ad ogni uno di noi un compito ben preciso.

Franco rimane nella comunità di Como a organizzare il recente lavoro missionario con le nuove persone che volevano ricevere la Pellegrina, io tornai a Trento per reparare tutto per la festa del 18 ottobre e Rosanna e Milena (una missionaria di Como e una di Trento) partono in viaggio verso il Santuario di Roma Belmonte, per loro la prima volta, e anche questo è stato un altro regalo della Mater, donarci gli istrumenti per poter arriare alla “fonte di grazie”. Hanno avuto un incontro con Suor Ivonne, che ringraziamo tanto per il suo aiuto e lavoro, per noi tanto neccessario e indispensabile. Grande la Mater che continua ad aprire porte!

La Madonna Pellegrina sul altare

E pioi?… arriva il 18 ottobre!

Avevamo già programmato a Trento, per l’anniversario della Mater, un rosario illuminato nella chiesa di Chiesa dei Santi Fabiano e Sebastiano, Tavernaro (Trento). Anche qui, per prima volta.

La storia intorno a questa piccola chiesetta è bellissima, carica d’amore e umiltà.

Essendo Tavernaro una piccola comunità, la chiesa era destinata a chiudersi per mancanza di sacerdoti, le messe avvengono in Cognola che è la comunità più vicina. Sono state le persone di questo piccolo paesino a volere aperte le porte della loro chiesa, e si sono organizzati per farlo: si prendono cura della chiesa e si trovano ogni terzo mercoledì del mese per fare adorazione al SANTISSIMO SACRAMENTO e un rosario.

Cassualità vuole che il mercoledì di questo mese era prorpio 18!

Quando Milena propone al gruppo di preghiera di fare un rosario illuminato per questa speciale occasione, l’idea vine accolta con molto entusiasmo!

Il 18 ottobre la comunità di Tavernaro assite alle ore 20 la messa in Cognola, e dopo messa sono venuti (con altre persone del gruppo di preghiera di Cognola) al rosario di Tavernaro.

Eravamo una quindicina di persone fra I tre gruppi di preghiera che si sono trovari per la prima volta (Tavernaro, Cognola e Trento città).

Prima di cominciare il rosario, Milena da testimonianza della nostra recente sperienza in Como, in modo di far partecipe anche a queste comunità del grande operato della Mater, e poi ho spiegato perchè era importante per noi il 18 ottobre, abbiamo parlato della Alleanza d’amore, del Santuario, del padre e Don Joao! Quante cose!!!

Poi inizia il rosario. Come al solito, avevano già preparato le riflessioni e le intenzioni per ogni mistero, ma questa volta, in modo del tutto spontàneo, ogni persona che recitava un mistero aggiungeva qualcosa sulla Maddona di Shoenstatt, una petizione, un ringraziamento… davvero commovente.

Finito il rosario, Milena ed io abbiamo rinnovato il nostro impegno missionario, e in tanto facevamo la nostra preghiera, entrambe ci siamo sentite accompagnate da tutti, c’era una bellissima armosfera intorno a noi.

Subito dopo la preghiera, si sono messi tutti in piedi e hanno pregato tre Ave Maria per noi missionari e per il nostro lavoro!!! abbiamo dovuto tratenerci per non piangere dell’ emozione!!!

“ (…) Si tu Madre e Regina delle famiglie! (…) “

Tutto in una parola: grazie.

Madre voglio ringraziarti per essere nella mia vita e per tutto quello che mi dai. Ho pensato molto al percorso che insieme abbiamo fatto dal lontanno anno 2001 quando feci Alleanza d’Amore con Te.

Ho capito il perchè del mio percorso e di tutte le meravigliose persone che hai messo sulla mia strada per portarmi dove tu avevi bisogno di me; volevo ringraziare ogni uno di loro:

a la mia splendida mamma che mi ha fatto conoscerti e mi ha sempre accompagnato e sostenuto lungo la mia strada, al padre Gullermo Carmona con chi ho fatto Alleanza e da cui tutt’oggi ricevo stupende lettere di reflessione il 18 di ogni mese, a padre Rivas con chi ho iniziato I miei primi passi nella Campagna, a Suor Ivonne che tanto mi sostiene e mi aiuta in questo percorso, e uno speciale ringraziamento con tutto il mio cuore a Milena, Franco e Rosanna, I missionari che con grande fede e devozione, offrono ogni giorno il loro lavoro nonostante le infinite difficoltà, sono grandissimi strumenti di Maria! Attraverso loro, la nostra Pellegrina continua ad arrivare in nuove famiglie e nuove comunità donando grazie e conversione!

Tags: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *